Ovindoli, due chiacchiere con Marcello Magnelli: tra storie di cinema e ‘quella collaborazione con Carmelo Bene..’



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ovindoli – Marcello Magnelli nato a Roma nel 1950, è un attore  che  lavora ormai da quarant’anni col grande Cinema italiano. Nel suo curriculum spiccano le collaborazioni  con  Carmelo Bene, Carlo Verdone ed Enrico Montesano.

Un’amante delle montagne abruzzesi   e di Ovindoli, dove è presente  da 29 anni come turista sempre in compagnia di sua moglie Sonia e del suo storico amico e attore Ninetto Davoli. Vogliamo qui di seguito riportare una breve intervista sulla sua attività artistica e professionale che ci ha rilasciato pochi giorni fa nella sua solita piena disponibilità ed allegria:

Allora Marcello, come è iniziata la tua avventura col grande cinema ?

“Sin da bambino amavo molto il cinema ed ero affascinato da Totò, Mastroianni, Fellini… Vedendo i loro capolavori,  intorno a diciotto-diciannove anni è nata in me questa grande passione. Andai allora a fare dei provini nei quali fui selezionato subito come attore protagonista.

“Quindi, hai avuto subito accesso al  grande cinema … ?

“No, feci l’attore protagonista nelle pubblicità per l’Enalotto, per Scottex-Casa e per “Tonno RioMare”. In quell’occasione fui contattato addirittura dall’estero e arrivai a fare il protagonista principale in Francia con lo spot per “Cafè du maison”.

E invece, qual è stata la prima grande uscita da attore al Cinema?

“La mia prima grande uscita è stata quella con i fotoromanzi di Grand Hotel che tutt’oggi ancora faccio. Con la differenza che  oggi ricopro sempre ruoli da cattivo, da burbero, da quello che muore alla fine.  Da ragazzo mi potevo permette di fare il piacione (ride) “

“E il teatro ?”:

Non ho lavorato molto col Teatro, anzi c’ho lavorato in un’unica occasione che però mi ha segnato la vita. Al Teatro Stabile dell’Aquila ho recitato in “La cena delle Beffe” con la regia di Carmelo Bene che poi portammo anche  Roma.

“Come è stato lavorare con un regista del calibro di Carmelo Bene ?”

Vi racconto l’episodio di quando lo feci arrabbiare al Teatro Sistina di Roma: protagonista principale era Gigi Proietti, e avevamo appena terminato le scene. Stavamo per salire l’ultima volta sul palco per i saluti sul palco e io sbagliai di pochi millesimi di secondi  l’uscita. Per quel mio piccolo sbaglio si arrabbiò come una bestia… infuriato mi disse “alla prossima te la faccio pagare”. Era un tipo geniale Carmelo Bene … assolutamente geniale. Giustamente pretenzioso con gli attori ed anche un po’ burbero a volte.

Altre grandi collaborazioni artistiche ?

“Ho partecipato in tre film di Carlo Verdone: ” il bambino e il poliziotto” “viaggi di nozze” e “Gallo Cedrone”. E’ stato  “Gallo Cedrone” a darmi la massima notorietà in Italia per via di una famosa frase … la vogliamo dire, si può dire ? “semo tutti froci daa  Roma”. E’ incredibile come a tredici anni dall’uscita del Film ancora mi viene chiesta quando mi incontrano per strada.

E invece, passiamo a  parlare della tua attività attuale:

“L’anno scorso ho lavorato per un film di Marco Risi “Tre Tocchi” interpretando la parte di Marcello, proprio di Marcello…  sono stato anche  candidato come miglior attore non protagonista.  Sempre l’anno scorso ho recitato in due corti: uno dal titolo “ Fame “ e un altro “ Ciao amico “ entrambi impegnati nel sociale.  L’ultimissimo film l’ho girato tra Giugno e Luglio e per Ottobre è prevista l’uscita … il titolo è “Senza Freni “ con regia di Matteo Nicoletta”.

“Sappiamo che hai ricevuto un premio poco fa…”

“ Sì, alla romanità a Dicembre col premio “Sette Colli.” Un bellissimo evento all’Eur Exe di Roma. Insieme a me è stato premiato anche Federico Moccia.”

Vedendo i tuoi film, tutti sannno che oltre a un fedele romano sei anche un fedelissimo della Romaqual è il tuo rapporto con lo sport:

“lo sport è il motivo principale che mi ha legato all’Abruzzo e a Ovindoli. Credo non ci sia posto migliore dove poterlo praticare Da trent’anni ormai sono portiere della Nazionale Calcio Attori. Come tutti sanno è una squadra che gioca per raccogliere fondi da devolvere in beneficenza, gli ultimi incassi li abbiamo devoluti ai terremotati di Amatrice.

Vista la tua propensione sportiva e nel Sociale… ci sarebbero possibilità  di collaborazione tra la Nazionale Attori e magari qualche paese  della Marsica ?

“Ovviamente sì, quando c’è una giusta causa noi siamo sempre presenti.”




Lascia un commento