val-fondillo-1
   La Necropoli di Val Fondillo
La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi alla ricerca...
Le rovine della sede della Banca Marsicana di Pescina distrutta dal terremoto del 1915
Le rovine della sede della Banca Marsicana di Pescina distrutta dal terremoto del 1915
Pescina – Tra le fotografie che ci permettono di conservare la memoria di quanto avvenne nella Marsica a seguito della violenta scossa di terremoto del 13 Gennaio 1915 c’è anche quella che...
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Preziose maioliche della chiesa della Madonna delle Grazie di Collarmele portate a Genova: "Analizzate per capire fabbricazione e datazione"
Collarmele – Con l’arrivo del parere favorevole della Sovrintendenza, possiamo ufficializzare la partenza, a stretto giro, di alcuni frammenti delle maioliche della Chiesa di Madonna delle...
Castello baronale dei Colonna
Il sistema fiscale delle imposte nella Marsica vicereale dopo la peste del 1656
Lo studioso Ugo Speranza pubblicò alcuni rogiti del notaio Domenico Bucci (1658)  nei quali possiamo riscontrare la numerazione dei «fuochi» delle università di Avezzano, Collelongo, Trasacco, Luco...
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Recensione del saggio "Ispettori ai monumenti e scavi nella Marsica" di Cesare Castellani nel Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria
Marsica – Sullo storico Bullettino della Deputazione abruzzese di Storia Patria, Annate CXII-CXIII (2021-2022), pubblicato a L’Aquila, alle pagine 269 e 270 il prof. Alessio Rotellini descrive...
fulv
Aspetti della giurisdizione delegata nella Marsica durante il viceregno spagnolo e austriaco
Non è facile svolgere un’analisi sistematica e comparata che possa aiutarci ad arricchire e precisare il giudizio, a volte ancora troppo generico, sul dominio dei Colonna nel territorio marsicano durante...
Grotta di Sant'Agata
La grotta di Sant'Agata
Una grossa cavità naturale posta sul versante acclive della Serra di Celano grotta di Sant’Agata Sopra la parte sommitale della rocca della Turris Caelani, sotto una grande sporgenza rocciosa...
bcvff
Luigi Colantoni (1843-1925), canonico, vicario capitolare e ispettore ai monumenti
Questo articolo su Luigi Colantoni segue quello interessante dell’amico Fiorenzo Amiconi apparso su Terre Marsicane lo scorso 24 dicembre 2019 e vuole essere una integrazione ed un completamento di quanto...
Cerca
Close this search box.

Obbligo Meccatronico: bisogna adeguarsi entro il 5 gennaio 2018. E voi, siete in regola?

Da meccanico a meccatronico. È questa “l'evoluzione della specie” che a breve, interesserà gli autoriparatori. Perché se è vero che la categoria deve evolversi per non estinguersi e guadagnare così nuove opportunità di business, un ulteriore obbligo di aggiornarsi è stato definitivamente sancito per legge tra poco più di due mesi.
Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carlo Alberto Petrucci
Carlo Alberto Petrucci
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Cesidio Iacovetta
Cesidio Iacovetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Beatrice Stornelli
Beatrice Stornelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Cristina Fiocchetta
Cristina Fiocchetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio

Marsica – Entro il 5 gennaio 2018, infatti, le professioni di meccanico ed elettrauto dovranno convergere in un’unica figura del settore, quella appunto del meccatronico. Facciamo un passo indietro e vediamo perché. Fino al gennaio 2013, la normativa di riferimento era la legge 122/1992 che distingueva – articolo 1, comma 3 – l’attività di autoriparazione in diversi segmenti: meccanica e motoristica, carrozzeria, elettrauto e gommista. Una “scissione” ben definita, che però negli anni è stata sorpassata dall’avvento delle nuove tecnologie che hanno portato il meccanico ad acquisire nuove competenze necessarie a intervenire sugli impianti elettrici delle vetture.

E così, dal 5 gennaio 2013 entrata in vigore della nuova legge 224/2012 ha sancito la “Modifica alla disciplina dell’attività di autoriparazione” riducendo a tre le categorie interessate, cioè il meccatronico, il carrozziere e il gommista. Ebbene, la normativa impone che entro cinque anni un professionista del settore debba adeguarsi e quindi, va da sé, il 5 gennaio 2018 è la dead line per mettersi in regola, pena la chiusura dell’attività. In sostanza, da qui a poco più di due mesi sarà necessario acquisire i necessari requisiti tecnico-professionali e ottenere, carta canta, la qualifica di meccatronico, proprio per questo Gruppo SICURFORM S.r.l già noto come (Organismo di Formazione Professionale di Avezzano accreditato dalla Regione Abruzzo) ha ampliato la sua offerta formativa, integrandola con specifici corsi di abilitazione professionale riconosciuti e validi su tutto il territorio europeo.

Facciamo un po’ di chiarezza sugli obblighi di legge. Sono chiamate a mettersi in regola le aziende che, all’entrata in vigore della normativa 224/2012, erano iscritte nel registro delle imprese – o nell’albo delle imprese artigiane – con l’abilitazione a una sola delle due professioni, cioè quella del meccanico o dell’elettrauto. Per tutte le persone “preposte alla gestione tecnica è necessario frequentare con esito positivo un corso professionale limitatamente alle discipline relative all’abilitazione professionale non posseduta”, recita la disposizione.
I contorni dello standard professionale e formativo del tecnico meccatronico sono stati definiti nell’Accordo Stato-Regioni del 12 giugno 2014, che delega alle regioni stesse – oltre che alle Province autonome di Trento e Bolzano – il compito di programmare e organizzare i corsi necessari. Il professionista chiamato a mettersi in regola con le più recenti disposizioni legislative, e che non sia in possesso di nessuna formazione specifica, è così chiamato a frequentare un percorso della durata minima di 500 ore, con il 20-30% del monte ore dedicato al tirocinio. Chi, invece, già possedeva competenze qualificate in uno dei due settori (meccanico o elettrauto), deve invece frequentare corsi che gli consentano di colmare il gap relativamente all’abilitazione professionale non posseduta. In questo caso, il vincolo minimo è di 40 ore di “lezione”.

Un’ulteriore distinzione riguarda chi è in possesso di coerente titolo di qualifica professionale ottenuta dopo aver svolto un percorso triennale sancito dal Sistema di Istruzione e Formazione Professionale inerente la qualifica di tecnico meccatronico: per questi professionisti, l’obbligo riguarda la frequentazione di un percorso integrativo – circoscritto alle competenze non possedute – con durata minima di 100 ore. A chi, poi, è già in possesso di un coerente titolo di diploma professionale regionale di tecnico derivante da un percorso quadriennale previsto specificatamente dal sistema di Istruzione e Formazione Professionale, è sufficiente acquisire 50 ore per ottenere la nuova qualifica.

Dopo aver svolto il percorso formativo, l’ultimo step è rappresentato dall’esame finale, al quale il professionista sarà ammesso soltanto a patto di aver frequentato almeno l’80% delle ore complessive. Una volta superata questa prova, viene rilasciato un attestato di qualificazione professionale per Tecnico meccatronico delle autoriparazioni.

Fin qui abbiamo illustrato gli obblighi per chi si deve mettere in pari con quanto previsto dalla legge 224/2012. Ma ci sono anche le “eccezioni”, coloro cioè che non sono tenuti a frequentare alcun corso perché già in possesso della qualifica di tecnico meccatronico delle autoriparazioni. In questa categoria rientra chi ha conseguito un attestato di qualifica professionale triennale di “Operatore alla riparazione di veicoli a motore” con indirizzo “Riparazione parti e sistemi meccanici ed elettromeccanici dei veicoli a motore”, sempre legato al Sistema di Istruzione e Formazione Professionale. Nessun obbligo neppure per coloro in possesso del diploma tecnico professionale quadriennale di “Tecnico riparatore dei veicoli a motore”.

E non finisce qui. Non è necessario alcun percorso formativo per tutte le aziende che, all’entrata in vigore delle normativa nel gennaio di tre anni fa, fossero già abilitate a entrambe le attività di meccanica ed elettrauto, con dunque un bagaglio professionale completo alle spalle. Per tutte queste aziende, la qualifica di meccatronico è dunque già un dato di fatto. Esentate da tutti gli obblighi pure le persone preposte alla gestione tecnica (anche se titolari dell’attività) che, sempre al momento dell’entrata in vigore della normativa 224/2012 – lo ribadiamo, il 5 gennaio 2013 – avessero già compiuto i 55 anni, e che quindi sarebbero prossimi al tetto di età necessario a ottenere la pensione di vecchiaia.

I tempi, è banale dirlo, cominciano a stringere. Tra poco più di un anno, l’obbligo di essere “meccatronici certificati” sarà una realtà tangibile, senza vie di fuga. Il 5 gennaio 2018 sarà un vero spartiacque per la professione. E voi, vi siete già messi in regola?

I corsi saranno erogati presso la modernissima Agenzia di Formazione Accreditata dalla Regione Abruzzo ubicata in via Luigi Vidimari n.2 ad Avezzano, all’interno di una efficiente aula frontale per la formazione teorica, mentre per la formazione specifica e pratica sarà possibile l’apprendimento all’interno del laboratorio formativo, unico nel suo genere per il sua futuristica e tecnologia dotazione.

Per coloro che fossero interessati possono contattare l’area Formazione Professionale Accreditata all’indirizzo e-mail formazione@grupposicurform.eu, al numero 0863-441282 (int.4) oppure visitare il seguente indirizzo web: www.grupposicurform.eu in cui e possibile consultare nell’area dedicata tutte le informazioni, le procedure ed il catalogo corsi riconosciuti dalla Regione Abruzzo.

PROMO BOX

FB_IMG_1713812707686
996b437f-e34f-485a-a588-faf63f350fce
Il 25 Aprile, Festa della Liberazione, ingresso gratuito al Museo Nazionale d’Abruzzo a L’Aquila
Bonus trasporti: TUA
Adeguamento energetico e per accesso ai disabili presso lo Stadio dei Marsi: il Comune di Avezzano si prepara a far partire i lavori
Vittorio Sgarbi a Capistrello per presentare "Il leone di Ladispoli" di Davia Bondanza con un'intervista al dott. Raffaele Bisegna che sedò l'animale
Ha appena compiuto 111 anni l'abruzzese suor Serafina La Morgia, la religiosa più longeva d'Europa
street
Molto apprezzata la "Giornata del microchip" a Cerchio: messi in regola ben 40 cani
Dal 24 Aprile il mercato settimanale di piazza Risorgimento ad Avezzano sarà temporaneamente spostato
max-gazze-ultimo-album
FB_IMG_1713791924083
Dopo 45 anni le "réunion" dei ragazzi del V°A, anno scolastico '78/'79, del Liceo Scientifico di Avezzano
aq1
Civitella Roveto piange la scomparsa, a soli 49 anni, di Fabrizio Pampana
DSC_0015_6_74125453
Scuole senza palestra: aperto il bando per allestire spazi non convenzionali per far svolgere attività motoria agli studenti
Capistrello
Ph
FB_IMG_1713781298103
autobus1~2
scuole-sicure-con-i-due-pastori-tedeschi--ketty--e--airton-
Oggi è l'Earth Day, la Giornata mondiale della Terra
Grande e sentita partecipazione al raduno degli stendardi della SS. Trinità a Casali d'Aschi

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Carlo Alberto Petrucci
Carlo Alberto Petrucci
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Cesidio Iacovetta
Cesidio Iacovetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Beatrice Stornelli
Beatrice Stornelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Cristina Fiocchetta
Cristina Fiocchetta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Carmine Chiuchiarelli
Carmine Chiuchiarelli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Domenico Cipriani (Memmo)
Domenico Cipriani (Memmo)
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina