Nuovo municipio, Verdecchia e Di Berardino: “Fumo negli occhi ai cittadini, si facciano azioni concrete”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – I consiglieri di opposizione Roberto Verdecchia e Domenico di Berardino intervengono, attarverso una nota, sulla questione del nuovo municipio, o “Contratto di quartiere II”.

Un’annosa vicenda che, sorta in epoca Floris, e dunque in essere da oltre due lustri, ha impegnato la precedente amministrazione in azioni legali con finalità di revoca e istanze risarcitorie, accolte in parte, richiamate dai Consiglieri nella nota di seguito riportata, in cui gli stessi non lesinano stilettate all’indirizzo dell’Amministrazione De Angelis, richiamando la necessità di procedere nella direzione intrapresa dalla precedente amministrazione, con all’attivo azioni giudiziarie tuttora in corso.

“Che ben venga l’immissione in possesso da parte del Comune di Avezzano dell’opera relativa al contratto di quartiere 2 – nuovo Municipio di Avezzano, opera che sarebbe dovuta essere il “fiore all’occhiello” dell’amministrazione Floris ma che per palesi errori, sia essi progettuali che di valutazione tecnico-urbanistica, purtroppo così non è stata”, scrivono i Cosiglieri comunali del Pd. “Ad ogni buon conto, l’opera dovrà essere rivitalizzata e dovrà ritornare in pieno possesso della intera comunità avezzanese, la quale però non può e deve dimenticare che con la prima convenzione stipulata tra l’Amministrazione e la IRIM s.r.l. ed altri soggetti, ovvero quella del 31.05.2006 e non del 2016, furono utilizzati fondi concessi dal ministero pari a € 912.000,00, che potrebbero essere richiesti dall’avente diritto stante la mancata funzionalità dell’opera. Ma soprattutto l’Amministrazione non potrà dimenticare che per la realizzazione di quell’edificio iniziato dodici (12) anni orsono, si sarebbero dovuti alienare l’immobile in via America (attuale sede dell’anagrafe) al prezzo di quasi € 305.000,00, ed il relativo terreno per altri € 81.000,00 (art. 6 convenzione), oltre effettuare le relative permute con la società realizzatrice dell’opera, vista anche l’ulteriore convenzione ed accordo integrativo dell’11.10.2011 meglio riportato nella determina dirigenziale del 26.10.2011 con la quale, le parti regolamentavano la cessione e suddivisione delle proprietà nonché gli ulteriori impegni economici che le stesse dovevano assumere”, rimarcano i consiglieri Domenico Di Berardino e Roberto Verdecchia, “ben venga quindi la fruibilità dell’opera -definita da più persone, a ragione o torto, un “attuale scatolone vuoto”-, ma si dovranno valutare anche tutte le altre circostanze che molto probabilmente non possono essere sfuggite allo stimato dirigente Ing. Di Stefano Francesco che in data 29.08.2018 – a 48 ore dal suo definitivo collocamento a riposo – per volontà della giunta, comunica il solo preavviso di recesso nei confronti dell’impresa esecutrice dei lavori- .

Ora, volendo tentare giustamente l’immissione in possesso da parte della P.A. sull’intera area soggetta a naturale degrado, ci si domanda se si può buttare “”il fumo negli occhi del cittadino”” o se effettivamente si vuole conseguire il c.d. “bene per la città”, visto che a conti fatti nei primi del febbraio 2019 il Consiglio di Stato dovrà decidere sull’annullamento o meno dell’atto posto in essere dall’amministrazione Di Pangrazio. Sempre orientativamente in quella data – mese più o mese meno – la Corte d’Appello dell’Aquila sarà chiamata ad esprimersi sulla responsabilità penale nel giudizio di secondo grado nei confronti degli attuali appellanti e l’arbitrato richiesto ed invocato dalla IRIM potrà avere un tempo massimo di durata pari a dodici (12) mesi e ciò con decorrenza da metà luglio 2018.

Ci si domanda sempre cosa vuol fare l’attuale Amministrazione di maggioranza per terminare l’opera una volta ripresa in consegna l’immobile, ovvero quali fondi utilizzare, in quanto oltre a quelli ricavati della vendita della farmacia comunale pari a circa euro 1.152.000,00 , deve reperire la restante somma individuata nelle varie consulenze disposte dalla varie Procure (di Avezzano e della Corte dei Conti dell’Aquila) e del Tribunale per un importo pari a circa €. 4.800.000,00 per cui a conti fatti rimarrebbero da reperire soli € 3.650.000,00, euro più euro meno.

Ci si domanda sempre, se si voglia attendere ancora e per quanto tempo per vedersi rimborsati della provvisionale accordata nei confronti degli appellanti condannati durante il processo in primo grado o prudenzialmente attendere ancora l’esito finale del procedimento penale.

Ma un ulteriore domanda ci sorge spontanea, ovvero, se è pur vero che la farmacia comunale risulta essere appetibile come bene strumentale e con congruo ipotizzabile ricavato pari all’importo di circa € 1.152.000,00, è chiaro che questo importo non risulta essere congruo per definire il nuovo complesso del contratto di quartiere 2 alias nuovo municipio, per cui sarà necessario reperire altri fondi pubblici lasciati così lungo la strada come ad esempio quell’importo pari a circa € 1.000.000,00 che dovrebbero essere corrisposti dalla Società Gielle s.r.l. – società in liquidazione – che è attualmente rappresentata dallo stesso professionista che ha assistito personalmente l’attuale primo cittadino costituitosi in sede di discussione davanti al Consiglio di Stato per la nota vicenda della c.d. applicazione dell’anatra zoppa. Tenteremo di farci rimborsare concretamente tale somma o la lasceremo nel dimenticatoio o dovremo fare ulteriori conti in tasca ai cittadini per terminare il palazzo municipale? Ai cittadini l’ardua risposta”.



Marianetti MED

VOUCHER REGALO DI MEDICINA ESTETICA: IL NATALE DI MARIANETTIMED

L’angolo del Beauty – Bellezza VOUCHER REGALO DI MEDICINA ESTETICA: IL NATALE DI MARIANETTIMED I soliti vestiti? Anche no, grazie. Quest’anno regala (o regalati) bellezza con i gift voucher di Medicina estetica. Quest’anno invece dei soliti regali, metti sotto l’albero una pelle più bella, giovane e luminosa grazie ai “buoni regalo” di MarianettiMED, la clinica

Lascia un commento