Non vogliono andare in carcere, i fratelli Cherubini da tre ore sul tetto della casa a San Benedetto



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto Dei Marsi. Tutto il paese sotto casa dei fratelli Cherubini. Scene di “ordinaria follia” questa sera a San Benedetto. I fratelli Ennio e Italo Cherubini, con già dei precedenti penali alle spalle, sono saliti sul tetto della propria abitazione per non farsi arrestare dai carabinieri.

I militari dell’Arma, intorno alle 21, si sono presentati a casa dei due per notificare un aggravamento della pena emessa dal gip del tribunale di Avezzano che ne predispone il trasferimento in carcere. I due, però, non hanno accettato di buon grado la comunicazione e di tutta risposta sono saliti sul tetto minacciando di gettarsi giù.

Da circa tre ore va avanti la trattativa con i due fratelli da parte delle forze dell’ordine. Per evitare il peggio sono arrivati anche i vigili del fuoco del distaccamento di Avezzano. Ora sotto l’abitazione c’è l’avvocato dei due, Retico, che sta cercando di farli ragionare. Quando i fratelli scenderanno dal tetto, saranno trasferiti in carcere.

AGGIORNAMENTO DELLE 00.17

Mentre i due fratelli sono sul tetto, dietro l’abitazione stanno facendo i fuochi d’artificio. Secondo fonti vicine al giornale pare che ad accenderli sia stato un familiare dei Cherubini.

VIDEO

 




Lascia un commento