Non paga Equitalia ma spende per auto di lusso e utenze telefoniche. Maxi sequestro della Finanza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica. Le Fiamme Gialle di Avezzano, agli ordini del capitano Giovanni Antonino Marra, hanno eseguito un sequestro di disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili per un valore di € 542.431,80, nei confronti di un noto imprenditore marsicano, M.P.,  operante nel settore della commercializzazione di prodotti petroliferi, della propria compagna e della società da essa amministrata.

marraTale misura cautelare patrimoniale rappresenta l’epilogo di una complessa attività d’indagine svolta dai finanzieri, i quali hanno riscontrato che il suindicato imprenditore – tramite movimentazioni bancarie realizzate con bonifici ed assegni circolari – trasferiva su altri conti correnti una considerevole somma di denaro.

Veniva così “sterilizzata” e resa inefficace la procedura di riscossione coattiva avviata da Equitalia nei suoi confronti in seguito al mancato pagamento di una cartella esattoriale pari ad euro 542.431,80.

Dal canto suo l’indagata – al fine di ostacolare l’identificazione della provenienza delittuosa – “ripuliva” le somme destinandole al pagamento di auto di lusso, di bollette relative ad utenze telefoniche ed a consumi di energia elettrica.

Gli accertamenti in questione si sono estesi alla società in quanto l’amministratrice commetteva, nell’interesse ed a vantaggio della stessa, anche il reato di riciclaggio, omettendo – in violazione deIle disposizioni normative dettate in tema di responsabilità dell’impresa – l’adozione di modelli organizzativi e di controllo idonei a prevenire il succitato reato.

Il provvedimento, su richiesta del Sostituto Procuratore Roberto SAVELLI, è stato emesso dalla Dottoressa Maria PROIA, Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Avezzano.




Lascia un commento