Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

“Nero è il cuore del papavero”, presentato ad Avezzano il primo romanzo della scrittrice abruzzese Patrizia Tocci

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio
||
||

Avezzano. “Tornare al passato remoto e dimenticare il passato prossimo. Così si propone l’appassionata tessitrice di queste pagine, per dire che, in un mondo che non conosce più nomi della neve, degli alberi e delle stelle, è fatale cercare rifugio nelle radici”.

Con queste parole il giornalista Paolo Rumiz introduce “Nero è il cuore del papavero”, il primo romanzo della scrittrice, giornalista e poetessa, Patrizia Tocci, vincitrice del premio nazionale “Vittoriano Esposito”, presentato ieri, 21 ottobre,  all’interno dell’Aula Magna del Liceo Classico di Avezzano, a cura del “Comitato per la comunicazione culturale Città di Avezzano”. A moderare la presentazione è stata la giornalista e speaker radiofonica Roberta Maiolini che magistralmente ha intervistato l’autrice, scavando anche nella sua intimità più profonda e permettendo al pubblico in sala di iniziare ad assaporare un libro che insegue le tracce della memoria, attraverso la figura del padre che non c’è più e la fine di un mondo contadino che si intreccia ai profumi, agli odori, ai rumori e colori scomparsi nella realtà ma non dalla memoria.

“Ho iniziato a scrivere questo romanzo durante la malattia di mio padre e a seguito del sisma che ha colpito la mia città, L’Aquila. Sentire la terra muoversi sotto i nostri piedi mette in crisi le nostre categorie mentali, ed è qualcosa che resta dentro  – afferma l’autrice – “ la scrittura è stata per me come una zattera e mi ha aiutato molto a superare questi momenti. Ed è per questo, anche, che ho scelto un titolo così particolare; cercavo un simbolo forte in cui identificarmi e ho scelto il papavero, che è un fiore sostanzialmente bistrattato, che mi ha insegnato a comprendere la fragilità, ma il seme del papavero è in realtà il seme della scrittura”.

In questo continuo muoversi all’interno dello spazio e del tempo, affiorano i ricordi, grazie anche alle letture di Adriano Sabatini di alcuni dei brani più evocativi, e la Tocci racconta anche l’Abruzzo, il territorio, il mondo contadino, la quotidianità contadina, la convivenza con gli animali che facevano parte della famiglia “in modo francescano”, il tutto condito con semplici parole e senza invenzioni di alcun genere, come lei stessa ha tenuto a sottolineare: “ Non ho bisogno di parole altisonanti per raccontare la verità ed esprimere le mie sensazioni, basta utilizzare le parole più semplici e dirette che arrivino al cuore dei lettori. Non ho aggiunto nulla di fantasioso, nulla è finzione all’interno del mio romanzo, nemmeno il dolore, perché quando si scrive non si può fingere”. Ma l’Abruzzo, secondo la professoressa che oggi insegna e vive a Pescara, non può essere racchiuso in una sintesi che vede gli abruzzesi “forti e gentili”, piuttosto la vera essenza di questo popolo unito, ma così differente nella sua singolarità, la si può riscontrare nelle parole dei testi di Ignazio Silone.

Riprendendo le parole di Rumiz, “Secondo Omero, gli dèi hanno inventato il dolore perché gli uomini cantassero e poetassero in modo più sublime. Questo libro non nasce solo dalla sofferenza di un distacco – che non è solo il distacco dal padre ma anche dalla madre terra rivoltata dal sisma – ma dalla coscienza bruciante del nesso fra sofferenza e la scrittura”, e con questo romanzo Patrizia Tocci va a soddisfare le parole del poeta Omero e racconta al lettore in maniera sublime, anche se umile e semplice, la sua storia, la sua sofferenza e il suo dolore, ma allo stesso tempo rievoca in chi legge la propria storia, la propria memoria, stralci di una vita ormai passata che non si può far altro che ricordare, anche in funzione del presente e del futuro.

LEGGI ANCHE

"C'è sempre domani": il tributo cinematografico a Ennio Doris torna gratuitamente al Cinema Astra il 13 Giugno
"C'è anche domani": il tributo cinematografico a Ennio Doris torna gratuitamente al Cinema Astra il 13 Giugno
Avezzano – Il 13 giugno alle ore 20 presso il cinema Astra di Avezzano verrà riproposto gratuitamente...
Leggi tutto
IMG-20240612-WA0019
fina55
incendi boschivi
Sicurezza in montagna, il Prefetto dell'Aquila ha presentato oggi un utile opuscolo informativo
Picsart_24-06-12_14-52-18-197
Pereto in fiore, il balcone più bello: il Comune mette a disposizione piantine fiorite ai residenti anziani per abbellire il paese
Giornate Europee dell'Archeologia a Celano e Alba Fucens, ecco le attività organizzate dalla Direzione Regionale nella Marsica
"Tu prendi i nostri pensieri e li fai vivere", i bambini della 2A dell'I.C. di Gioia dei Marsi donano una loro poesia alla scrittrice Cesidia Di Gianfelice
Screenshot_2024-06-12-16-16-10-941_com.facebook
Cuore Bianco, domenica 16 Giugno a Rocca di Botte il raduno dedicato al pastore maremmano abruzzese
Sciopero nazionale del personale Trenitalia dalle ore 3:00 di domenica 16 alle ore 2:00 di lunedì 17 Giugno
Calendario Venatorio 2024-2025: le associazioni venatorie chiedono alla Regione di rivedere alcune restrizioni
Raduno moto d'epoca a Luco dei Marsi, il 16 Giugno appuntamento per gli appassionati delle 2 ruote con visita a Pescina
"Ci fu un tempo in cui…", visite del FAI Marsica presso l'Ecomuseo di Zompo lo Schioppo e nel borgo abbandonato di Morino Vecchio
Screenshot_2024-06-12-14-20-46-143_com.google.android.apps.docs.editors
appennini for alla Camera dei Deputati
Passeggiata della salute Avezzano
Piero Cipollone foto
borse studio
WhatsApp Image 2024-06-12 at 12.08
premio silone
Lavori sulla ferrovia Roma-Avezzano, modifiche alla circolazione e limitazioni
Goffredo Taddei
61f375c8-5ec0-42fe-aa4f-25cd6439cb29

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Secondino Roselli
Secondino Roselli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Rita Iacone
Rita Iacone
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Mario Buongiovanni
Mario Buongiovanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Marilena Cesta
Marilena Cesta
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Roberto Palermini
Roberto Palermini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.