Morte di Cesidio Innocenzi, tutto pronto per la comparazione delle prove



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Si cerca di far luce sullo scontro mortale in cui rimase coinvolto Cesidio Innocenzi, che il 24 maggio 2018, durante un’uscita con la sua bicicletta rimaneva coinvolto in un incidente con degli animali da pascolo, presumibilmente mucche, tra la strada che da Capistrello porta a Cappadocia. Innocenzi malgrado le cure morì nell’ospedale di L’Aquila il 30 maggio 2018 a seguito delle ferite riportate.

Fissata la data, venti settembre, nella quale sarà effettuata la comparazione dei materiali di prova per determinare quelle che potrebbero essere le responsabilità civili e penali di quella che ad oggi sembra essere l’unica persona indagata nel caso. Si tratta di una donna di Castellafiume proprietaria di animali da pascolo e difesa dagli avvocati Luca e Pasquale Motta del foro di Avezzano.

La comparazione avverrà all’Istituto Zooprofilattico di Perugia, tra il materiale che i RIS di Roma hanno prelevato dalla bicicletta e dal casco di Cesidio Innocenzi, peli e sostanza ematica, e il materiale ematico e prelievi piliferi su oltre due dozzine di bovini di proprietà dell’indagata.

Questo servirà a determinare con certezza, se uno degli animali esaminati è stato coinvolto nell’incidente

La data è stata comunicata dal Pubblico Ministero Laura Seccaccini, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano che coordina le indagini.

 



Lascia un commento