Mini: alle Aree Interne e di Crisi la metà dei soldi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Regione – «I comuni abruzzesi sono 305 e a 251 (Aree Interne e di Crisi) sono riservati circa 3 milioni di euro ma per mantenere la giusta proporzione, rispetto a 54 Comuni restanti, sarebbe stato necessario stanziare circa 4 milioni di euro. Poiché con la cifra attuale ai 251 Comuni (Aree Interne e di Crisi) vanno 13mila euro a Comune, pari a 2 persone agevolate all’assunzione, e i restanti 54 Comuni, avendo a disposizione un milione e cinquecentomila euro, potranno contare invece su 29mila euro pari a 5 persone agevolate all’assunzione».

Questo è quanto premette Vincenzo Mini, Capogruppo consiliare di OricolaCamp, intervenendo dal Distretto Industriale Piana del Cavaliere poi prosegue affermando: «L’attenzione alle Aree Interne e alle Aree di Crisi è meritevole ma queste oramai sono la quasi totalità della Regione Abruzzo. L’augurio, visto che il bando partirà il 25 novembre, è di adeguare i fondi, e che i prossimi bandi – prosegue Mini – siano veramente mirati a risollevare le Aree Interne e quelle di Crisi, in caso contrario forse è conveniente – conclude Mini – tornare nelle Aree normali visto che essere Aree Interne non è stato di aiuto nei recenti aumenti dei trasporti pubblici locali o forse esistono in Regione Abruzzo Aree Interne di serie B?».




Lascia un commento