Marsica, ispezioni dei carabinieri dei Nas negli allevamenti di bovini



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

MASSA D’ALBE. Tre allevamenti di bovini da latte sono stati ispezionati nelle ultime ore dal NAS di Pescara nella Marsica.

I carabinieri, al comando del capitano Domenico Candelli, hanno verificato il rispetto delle condizioni igienico sanitarie, identificative dei capi, del corretto trattamento medicale e, soprattutto, il trattamento e lo stato del benessere animale.

I controlli si sono concentrati a Forme, la frazione di Massa d’Albe.

In un allevamento, infatti, sono stati rinvenuti bovini da latte in luoghi invasi da letame non rimosso da tempo, peraltro in sovraffollamento con vitellini, anche di 20 giorni, in spazi ristretti ed in promiscuità con bovine in lattazione. Nei locali vi erano peraltro assenza di rivestimenti lavabili e ossidazione delle tubazioni e degli utensili del latte.

A supportare le ispezioni dei NAS di Pescara, i Servizi veterinari della ASL di zona: disposto il divieto di movimentazione di 110 bovini, il divieto di conferimento del latte in attesa di accertamenti analitici, la movimentazione dei vitellini in sovraffollamento e il ripristino delle condizioni igieniche.

Nel mese di maggio scorso le intense attività dei NAS nei controlli agli allevamenti d’abruzzo, avevano già portato alla segnalazione alla magistratura di due allevatori dell’aquilano per maltrattamenti di animali. Anche in quei casi il NAS di Pescara, collaborato dalla ASL, avevano riscontrato gravi condizioni igieniche di stalla e violazioni al benessere degli animali.




Lascia un commento