Lolli ai lavoratori: “Siamo pronti per il sequestro delle bottiglie dell’acqua”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro. Terminato l’incontro ad Avezzano con il procuratore capo Andrea Padalino, Giovanni Lolli, vice presidente della Regione Abruzzo, ha fatto un passaggio a Canistro, al presidio dei lavoratori davanti ai cancelli dello stabilimento della Santa Croce e ha annunciato che al ritorno all’Aquila si metterà al lavoro per il sequestro delle bottiglie che si trovano sulle pedane, all’interno dello stabile.

Lolli ha parlato con i lavoratori alla presenza del sindaco di Canistro Angelo Di Paolo.

Nell’esposto congiunto di Lolli e Di Paolo in procura era stato chiesto il sequestro non solo delle bottiglie ma anche dell’intero stabilimento, al fine di accertare se l’acqua fosse stata imbottigliata o meno dopo la revoca della concessione da parte della Regione.

Siccome, però, il sequestro non può assumere rilevanza penale, come chiesto dai due amministratori di Regione e Comune, non è la procura che deve occuparsene ma la Regione con i propri legali. Si tratta, infatti, di un sequestro amministrativo.

Lolli ha tranquillizzato i lavoratori dicendo che la Regione si siederà da oggi pomeriggio con i suoi legali per preparare il sequestro.

Di risposta ha avuto la promessa dei lavoratori di permettere all’imprenditore Camillo Colella di prendere e portare in suoi altri stabilimenti, le materie prime, che non sono l’acqua ma sono bottiglie, etichette e altro. Iniziano ora (ore 13) dunque ad arrivare i tir a Canistro che porteranno fuori le materie prime. I lavoratori hanno promesso che non creeranno impedimenti.

tir
L’arrivo dei primi tir alla Santa Croce per il carico delle materie prime

 

tir2

 




Lascia un commento