Istituto Serpieri: in arrivo 450 mila euro per il potenziamento dei laboratori



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Dopo la nuova e modernissima serra, con tanto di sensori e altro, l’Istituto Agrario “Serpieri” di Avezzano presto potenzierà i laboratori avendo ottenuto un finanziamento di 450.000 euro. E un ruolo importante, in questa “ristrutturazione”, lo avranno le aziende agrarie dell’Istituto (laboratori all’aperto per le tante esercitazione previsti nel piano di studi) con il potenziamento del parco macchine. L’IIS Serpieri, durante la dirigenza della professoressa Anna Amanzi, avendo risposto al bando relativo al Piano d’azione 2016/17 dal titolo:“Intervento per il potenziamento dei laboratori di settore degli istituti professionali, per il raggiungimento degli obiettivi di servizio “Istruzione” nell’ambito del QSN2007-2013 ha ottenuto un importante finanziamento regionale pari ad € 450.000.

Il progetto presentato dalla scuola è stato, infatti, particolarmente apprezzato dal Servizio Istruzione Regione Abruzzo che ha ritenuto opportuno erogare una così consistente somma, necessaria per adeguare il Parco macchine della scuola, per le attività nella relativa Azienda annessa, e i laboratori scientifici di settore, dando l’opportunità di dotarli degli strumenti e delle tecnologie più avanzate e maggiormente rispondenti alle esigenze della didattica e del mondo produttivo. In tal modo gli alunni dell’IIS Serpieri sia nella sede di Avezzano che in quelle di Castel di Sangro e di Pratola Peligna potranno disporre di attrezzature adeguate a consentire una incisiva e diffusa innovazione didattica.

Un Istituto, il “Serpieri” di Avezzano, con le sue due sedi coordinate di Castel di Sangro e Pratola Peligna, che negli ultimi anni di dirigenza della preside Amanzi, ha avuto un forte rilancio, puntando decisamente alla qualità della didattica, che non può che passare anche attraverso le esercitazioni sia nei vari laboratori che nella stessa azienda agraria




Lascia un commento