Istituto Marini, in via Bolzano nasce la “biblioteca di quartiere”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. L’istituto comprensivo “Collodi – Marini” di Avezzano è lieto di comunicare che, con il nuovo anno scolastico 2016/2017, presso la sede “L. Marini” di via Bolzano, prenderanno avvio le attività della biblioteca scolastica di quartiere, territoriale e interculturale.

«Sarà un luogo aperto a studenti, docenti, genitori, personale e comunità locale, un laboratorio trasversale non più esclusivamente “della scuola” ma aperto al territorio», commenta il dirigente Pier Giorgio Basile, «un luogo di scambio interculturale dove tutti possono partecipare, una comunità di persone che credono fermamente nella qualità dell’istruzione e nella positività dei rapporti interpersonali. Quello che si vuole realizzare è un luogo di conoscenza e di sapere, un punto di incontro da cui possano nascere curiosità, interessi, relazioni e nuovi percorsi, una bacheca delle idee da aprire e concretizzare con creatività, dove sia possibile trovare “risposte scolastiche” ma anche “risposte di tipo emotivo”, legate ai sentimenti e al senso della vita».

«LibrInCircolo” è la prima delle iniziative della nostra Biblioteca di quartiere», va avanti il preside, «la Collodi-Marini è una scuola che promuove la lettura e il “riciclo educativo del sapere” sul territorio, che pensa ai libri come ad una risorsa preziosa che va condivisa e favorisce la messa in circolo della cultura. Si tratta di un vero lavoro di squadra a partire dal nostro Istituto e dalla sua biblioteca. Ecco perché, in attesa di far conoscere tutte le attività che abbiamo messo in cantiere e che partiranno da settembre, ognuno può prestare (almeno per un anno) o donare i propri libri (non solo scolastici) alla nostra sede di via Bolzano, per ampliare la dotazione iniziale. Possono essere donati anche dvd (documentari, video didattici…) giochi educativi in scatola (integri), libricini cartonati per i più piccoli. Unico vincolo, per iniziare la raccolta, è la realizzazione, da parte di chi avesse intenzione di donare o di prestare, di un elenco preciso del materiale da destinarci. Per i libri, in particolare, vanno indicati il genere, il titolo, l’autore o gli autori, lo stato di conservazione, l’anno di pubblicazione. Saremo noi a fare da intermediari tra domanda e offerta e a garantire sulla correttezza di tutte le operazioni».

Info:    bibliomarini@gmail.com

«Vi aspettiamo numerosi», conclude Basile, «perché … Chi dona o presta un libro è un portatore sano di cultura».




Lascia un commento