Impianti sciistici fermi. La provincia dell’Aquila chiede ristori dei danni economici per gli operatori



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

L’Aquila – Approvato all’unanimità un atto di indirizzo, presentato al consiglio dal Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, per il ristoro dei danni economici, provocati dalla pandemia della Sars-Cov2, agli esercenti degli impianti sciistici insistenti nella Provincia dell’Aquila.

A tal proposito il Presidente ha precisato che “la decisione del Ministro della Salute di rinviare l’apertura degli impianti sciistici al 10 marzo ha sancito la sostanziale archiviazione della stagione turistica invernale, con conseguenze economiche pesanti sul compartoTra le varie questioni pressanti per il nuovo Governo, si chiede un impegno preciso per il settore dello sci, intendendo con ciò la Cig per i lavoratori stagionali ed i ristori per tutte le attività operanti nel campo.

Ed invero, lo stop all’avvio della stagione sciistica, rende non più rinviabile una soluzione alla pressante richiesta degli indennizzi, insieme al più generale sostegno per le imprese e i lavoratori, oltre alla scadenza del blocco dei licenziamenti il 31 marzo. Pur accogliendo con fiducia le rassicurazioni del Governo, circa l’impegno a compensare «al più presto» gli operatori del settore con «adeguati ristori», non ci può esimere dal sottolineare con forza che il turismo è uno dei settori maggiormente colpiti dalle chiusure e dalle restrizioni anti Covid.

Finora i reclami degli operatori sull’urgenza del decreto ad hoc sono rimasti in stand by per il passaggio dal vecchio al nuovo governo. Ci si aspetta dal nuovo esecutivo una misura adeguata con l’atteso decreto Ristori 5 che può contare su 32 miliardi, dopo l’ultimo scostamento di bilancio autorizzato dal Parlamento a metà gennaio. Come già espresso dai neoministri dello Sviluppo economico e del Turismo, Giancarlo Giorgetti e Massimo Garavaglia, i ristori per lo sci devono avere priorità assoluta e «non è detto che bastino i 4,5 miliardi richiesti quando la stagione non era ancora compromessa, «probabilmente ne serviranno di più».

L’Abruzzo ed in particolare la Provincia dell’Aquila è particolarmente interessata dalla crisi del settore, in quanto sede delle più prestigiose e numerose stazioni sciistiche del centro sud Italia. Pertanto il danno per l’economia dello sci e della montagna è immenso, pertanto gli indennizzi e ristori rappresentano una priorità assoluta.

Il Consiglio Provinciale chiede al Governo ed in particolare ai ministri competenti di attivarsi rapidamente per l’erogazione di adeguante misure economiche e fiscali per ristorare tutti gli operatori del settore interessati dal turismo invernale, ricomprendendo in tali azioni i titolari di impianti sciistici, gli albergatori, i ristoratori, i maestri di sci, gli esercenti del commercio i lavoratori stagionali, ed ogni altra categoria interessata.

Impegna il presidente della Provincia anche nella qualità di presidente UPI Abruzzo ad interloquire con gli organi del Governo Regionale affinché le istanze suddette vengano recepite dal Parlamento e dal Governo Nazionale. L’interessamento deve ricomprendere anche la ricomprensione di investimenti per il settore nell’ambito della programmazione Regionale nell’agenda europea 2021/2026 e nel Recovery Plan”.



Redazione Contenuti

Ad Avezzano torna la favola invernale di “Magie Di Natale”, eventi, mercatino natalizio, pista di pattinaggio e molte altro per il natale marsicano

Avezzano – Le vetrine dei negozi sono già addobbate a festa, i piazzali dei centri commerciali illuminati da migliaia di decori scintillanti.  Ad arricchire l’atmosfera dell’evento che più di ogni altro ha il sapore delle festività, dopo il forzato stop dovuto alla pandemia, torna MAGIE DI NATALE, l’atteso appuntamento del 2021. Organizzato dal Comune di