“Il giovane Holden” per il terzo Caffè Letterario a Capistrello



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Capistrello –  Prosegue la lunga marcia nell’itinerario immaginario di Caffé Letterario, incontri-dibattito promossi dall’Isola che non c’è & democrazia partecipativa. La prossima fermata è prevista il 20 febbraio alle ore 16:30 presso il Bar Kiswahili che gli organizzatori ringraziano per la calorosa disponibilità mostrata ad ospitare l’evento.

IL GIOVANE HOLDEN, di J.D. Salinger, è il libro sul quale sarà incentrato il nuovo appuntamento. L’opera di Salinger è una vera pietra miliare della letteratura americana. Il libro narra le vicende accadute a Holden durante un fine settimana, nei giorni che precedono il Natale. Holden ha 16 anni, è stato appena espulso dal college, ma la sua famiglia non ne sa ancora nulla. Dopo aver salutato il suo professore di storia ed aver incontrato i suoi compagni di stanza, va a New York.

Nella grande mela sperimenta la solitudine, il cinismo e un vuoto di valori che nutrono la sua rabbia. Il suo slang disincantato e insofferente è un atto di accusa al conformismo ipocrita di un’intera società, apparentemente disinvolta nei costumi, ma priva del coraggio di guardare gli abissi che ha dentro di se. A Salinger, si ispirerà, il movimento letterario della Beat Generation dei vari Jack Kerouac, Lucien Carr, Allen Ginsberg e molti altri.




Lascia un commento