Il Comune di Avezzano apre le porte a quaranta ragazzi per l’alternanza scuola-lavoro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sono ben quaranta gli studenti del liceo scientifico “Vitruvio Pollione” accolti dal Comune di Avezzano nell’ambito del progetto relativo all’alternanza scuola-lavoro. Il programma, al quale l’Amministrazione ha dato piena e immediata adesione, prevede, in osservanza della L.107/2015, la possibilità per gli allievi della scuola secondaria superiore, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, di svolgere il proprio percorso di istruzione realizzando una parte della formazione presso un’impresa o un ente del territorio. Un nuovo modello di apprendimento che combina insieme didattica teorica e pratica in un unico percorso formativo.

“Il nostro Comune è una casa di vetro, trasparente, e questi ragazzi avranno modo di fare un’esperienza preziosa grazie a questa sinergia tra Ente e Scuola”, ha spiegato il sindaco Giovanni Di Pangrazio, incontrando allievi e famiglie nella sala consiliare del Comune, “ Un tempo questa possibilità non c’era, l’istituzione era vissuta come una cosa distante e anche poco accogliente. Abbiamo fatto in modo che le cose cambiassero, perché invece è il Comune il primo punto di raccordo tra cittadinanza e Stato, l’ente più vicino ai cittadini, e il sindaco, gli assessori e i consiglieri ne sono i referenti principali, pronti ad ascoltarne le istanze. Nella mia veste di docente di diritto degli enti locali mi trovo talvolta alle prese con ragazzi che poco o nulla conoscono, in concreto, del loro Comune. Grazie a questa esperienza i ragazzi conosceranno il lavoro dei vari settori: seguiranno l’iter dei lavori pubblici, impareranno come si richiede e si rilascia un certificato e molto altro, apprendendo così il funzionamento della pubblica amministrazione attraverso la partecipazione attiva”.

“È opportuno che ogni ragazzo venga inserito nel settore di maggior interesse, in relazione a inclinazioni personali e progetti di vita, in modo che questa esperienza risulti pienamente stimolante e realmente formativa”, ha concluso il sindacoGiovanni Di Pangrazio, “Ho chiesto ai coordinatori di tener conto delle preferenze degli studenti così da inserirli nei settori pertinenti”. Presenti all’incontro l’assessore Alessandra Cerone, che ha curato insieme agli uffici la convenzione con il liceo “Vitruvio Pollione”, la prof.ssa Fabiola Testa e la prof.ssa Maria Carmela D’Agostino, che coordinano il progetto sotto la supervisione della dott.ssa Marina Novelli.

“È la prima esperienza per il nostro liceo e siamo riusciti a collocare con ottimi riscontri già 200 ragazzi”, ha spiegato la prof.ssa Maria Carmela D’Agostino, “ I Comuni marsicani hanno risposto molto positivamente. Ringraziamo il sindaco Di Pangrazio, l’assessore Cerone e i dirigenti per la grande disponibilità, siamo certi che per i nostri studenti sarà un’esperienza preziosa”.




Lascia un commento