Il coccodrillo di Alba Fucens, prezioso dettaglio artistico del I sec. a.C.

Alba Fucens – La dottoressa Emanuela Ceccaroni, archeologa della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Abruzzo, di tanto in tanto, ci offre piccoli e preziosi sprazzi di estremo fascino ed estrema bellezza. Sul profilo FB di “Fucino 2021. Archeologia a chilometro zero”, la Ceccaroni ha condiviso l’immagine di un delizioso e antichissimo coccodrillo.
La didascalia parla chiaro: “Visto che non si può viaggiare, proviamo ad andare lungo le rive del Nilo con il coccodrillo dipinto su una parete di Alba Fucens… (particolare di un affresco del I sec. a.C.)“. Un dettaglio davvero sorprendente, considerato che Alba Fucens si trova a grande distanza da località nelle quali i coccodrilli possono vivere.

Eppure tra gli affreschi che gli archeologi hanno rinvenuto nel sito di Alba Fucens c’è proprio l’originale rappresentazione di un coccodrillo. La preziosa opera è conservata presso il deposito della Soprintendenza a Celano/Paludi, in attesa di essere esposta ad Alba Fucens.