Furti in appartamento ad Avezzano, gli agenti del commissariato arrestano due ladre



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Sono state arrestate in flagranza di reato e sono state riconosciute come le autrici anche di due furti dei giorni scorsi.

Si tratta di due donne rom che vengono dai campi nomadi di Roma. Una di loro è minorenne. Le due sono state fermate dagli agenti della squadra volante di Avezzano e i colleghi dell’anticrimine, con un minuzioso lavoro fatto su dei filmati registrati i giorni scorsi da alcune telecamere di videosorveglianza le hanno riconosciute come responsabili anche di due colpi precedenti.

Le donne sono state fermate subito dopo un furto in appartamento dai poliziotti diretti dal vicequestore aggiunto Paolo Gennaccaro.

Erano solite prendere ogni cosa di valore ma anche capi d’abbigliamento e accessori.

La nota diffusa dalla Questura di L’Aquila: 

Nel pomeriggio odierno, personale del Commissariato di P.S. di Avezzano, ha tratto in arresto per furto aggravato due giovani donne di etnia Rom provenienti da Roma, di cui una minorenne.

Alle ore 13.10, è pervenuta al 113 la chiamata di un cittadino che segnalava delle persone che stavano commettendo un furto all’interno di un appartamento.

Giunti prontamente sul posto, il  personale della Squadra Volante è riuscito a  bloccare  due giovani donne  nel momento in cui si accingevano ad uscire dall’abitazione, per darsi alla fuga. Le giovani erano riuscite a prelevare dall’appartamento diversi oggetti preziosi, per un valore di circa 2.000,00 euro.

La minuziosa attività d’indagine condotta dagli operatori del Settore Anticrimine, ha permesso di accertare che le due giovani erano le autrici di altri due furti, avvenuti uno nella mattinata odierna e l’altro in data 24 febbraio 2017.

Le due donne, su disposizione del P.M. di turno, sono state accompagnate rispettivamente presso il Carcere di Teramo e la minore in una struttura di prima accoglienza di L’Aquila.

Non si esclude che gli ulteriori accertamenti in corso possano portare ad attribuire alle due arrestate altri episodi delittuosi commessi nel capoluogo marsicano.




Lascia un commento