Fucino, acqua, terra e infanzia, viaggio nella memoria nello spazio letterario delle “Vacanze luchesi”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – Un viaggio nella memoria attraverso i luoghi, per riscoprire che “casa” è laddove pensieri, emozioni, esperienza e consapevolezze hanno preso forma in un caleidoscopio di prime volte. É questo è il filo conduttore dell’opera ““Fucino, acqua, terra e infanzia”, dello scrittore Roberto Carvelli, che sarà presentata nello spazio letterario previsto nel cartellone delle “Vacanze luchesi” per domenica, 15 luglio. Nel romanzo, l’Autore opera un’avvincente alchimia tra storia, memoria e letteratura, rendendo al contempo degli straordinari affreschi del Fucino e di suoi elementi peculiari.

Nell’incontro culturale, proposto dall’associazione “Lucus” in sinergia con il Comune, reading e riflessione con l’autore, Roberto Carvelli, e i contributi del giornalista Nino Motta, storica firma del quotidiano “Il Centro”, moderatore dell’incontro, del professor Ilio Leonio, dell’architetto Antonino Petrucci e del professor Giuseppe Grossi. “Un’opera avvincente”, sottolinea la sindaca Marivera De Rosa, “un percorso sulle tracce di sé attraverso luoghi e atmosfere che non si fa fatica, da figli di questo territorio, a riconoscere istintivamente e a sentire propri. Sarà un’occasione preziosa per apprezzare una narrazione peculiare della nostra terra, ma anche di riflessione e condivisione, alla quale invito tutti”. L’illustrazione di copertina del libro è stata realizzata dall’artista di origini luchesi Ester Grossi, della quale sarà proiettato, nel corso dell’evento, un contributo in video. La colonna sonora dell’incontro letterario sarà a cura del duo Domenica e Giovanni Stornelli.

L’appuntamento è per domenica, dalle 21, presso la panchina rossa, all’interno dell’isola pedonale di via Duca degli Abruzzi a Luco dei Marsi.

Fucino, acqua, terra e infanzia, viaggio nella memoria nello spazio letterario delle “Vacanze luchesi”




Lascia un commento