Fragole con antiparassitario 100 volte superiore al limite: due denunce



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Regione – I 4 Nuclei agroalimentare e forestale (Naf) provinciali del Corpo forestale dello Stato, coordinati dal Comando regionale Abruzzo, hanno controllato in regione 15 centri ortofrutticoli, deferendo all’autorità giudiziaria il produttore di un lotto di fragole che dall’esito delle analisi ha superato i limiti di legge di 100 volte per uno specifico antiparassitario/fungicida.

I campioni di frutta prelevati dai forestali per verificare il quantitativo prodotti fitosanitari presenti negli alimenti, sono stati analizzati nei laboratori dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Teramo (pompelmi, arance, pesche, kiwi e limoni) e hanno dato esiti rassicuranti: gli altri 6 campionamenti hanno fatto registrare valori molto al di sotto dei limiti massimi residui previsti dalla normativa italiana che recepisce quella europea.

Il Naf ha comunque sequestrato circa 1000 chili di frutta, elevando anche 10 sanzioni amministrative, per oltre 10 mila euro, per mancanza della tranciabilità dell’alimento e dell’indicazione di provenienza, informazione quest’ultima obbligatoria anche sui banchi di qualsiasi mercato ortofrutticolo.




Lascia un commento