Era stato accusato di aver tentato di violentare una 35enne, assolto



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi. Era stato accusato di aver tentato di violentare una ragazza italiana, all’interno del suo appartamento, mentre dormiva.
Il giudice del tribunale di Avezzano, Francesca Proietti, lo ha assolto, perché il fatto non sussiste.
Si tratta di Arroubi Mohammed, giovane di origine marocchina residente a Luco dei Marsi.
I fatti che gli venivano contestati risalgono agli inizi di aprile, quando il giovane, secondo la tesi sostenuta dall’accusa, pare fosse entrato nell’abitazione di una 35enne per rubare. Vedendola dormire si sarebbe poi infilato nel suo letto tentando di avere con lei un rapporto sessuale.

La donna raccontò poi ai carabinieri di essere riuscita a scappare, rifugiandosi in un bar, da dove chiamò il 112.

Arroubi è comparso ieri davanti alla Proietti, per il rito abbreviato. L’accusa, sostenuta dal pc Guido Cocco, aveva chiesto 5 anni di reclusione mentre la 35enne di Luco aveva chiesto 10mila euro di risarcimento.
Il giudice, invece, ha accolto in pieno la tesi dell’avvocato Mauro Ceci, che ha dichiarato il marocchino non colpevole, in quanto il fatto non sussiste.




Lascia un commento