La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Cerca
Close this search box.
Home » Terza pagina » Emigrazione d’altri tempi

Emigrazione d’altri tempi

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Oggi si parla di emigrazione, ma ieri, quante emigrazioni ci sono state? Molte, forse troppe, non conosciute da noi miseri mortali. Noi conosciamo quelle di fine ottocento-inizio novecento, che io chiamo oltre Oceano, quelle degli anni sessanta-settanta, che io chiamo oltre Alpi.

Ma ricordiamoci pure, che quando si andava a scuola, quella di un tempo, ci facevano studiare le invasioni barbariche, popoli venuti da altri parti ed occupavano i nostri territori.

Ora, io mi voglio occupare, di un’altra invasione, quella che avvenne prima che Roma o i Romani, conquistassero il Mondo allora conosciuto.

I Sabini da dove provenivano? Questi dettero il nome di Sabinia a Sabina anche all’Abruzzo centrale e diedero vita nell’Appenino Abruzzese ai Marsi, Maruccini, Peligni, Vestini.

Da loro poi derivarono pure i Safini poi chiamati Sanniti, che a loro volta diedero vita agli Irpini ed ai Lucani, che si soprapposero o meglio cacciarono gli Osci e sempre dai Sabini derivarono pure i Piceni.

Da dove provenissero i Sabini, non è dato sapere, forse dall’ Illiria come pure i Volsci e siamo al VIII secolo a.C.

Tanto tempo fa, in una primavera di circa 2.700 anni fa, nella Sabina non c’era di che sfamarsi per un popolo che diventava sempre più numeroso.

“Dove si fermerà il toro lì troverete lo vostra terra” così il dio Mamerte li spinse ad emigrare.

Partirono in tanti (7.000), guidati da Comiso Castronio e percorrendo le rive del Lago Fucino risalirono sulla montagne ed arrivati nell’Alto Sangro, scoprirono la nuova terra, una verde vallata circondata da aspre montagne ricche di ferro e attraversata da un limpido fiume e quando il toro bevve dalle rive del fiume Sangro, i Sabini poi Safini e ancora dopo Sanniti, non ebbero più dubbi: quello sarebbe diventato il loro territorio.

Lì avrebbero costruito con le pietre e gli alberi della montagna i loro villaggi, i loro santuari a: Cerere, Ercole, Mefite, Triareccja (Luna) , Ortunno, Vesuna, Angizia, Giove ed altri ancora.

Le pecore e gli altri animali, che avevano portato con loro, avrebbero avuto pascoli ricchi e profumati e d’inverno sarebbero potute scendere in pianura, tracciando quelle strade che più tardi, vennero chiamate vie erbose, meglio tratturi.

Naturalmente, i Safini,(poi Sanniti), erano pastori e artigiani: si procuravano il ferro nei monti della Meta e con scambi commerciali, con altri popoli, costruivano utensili, arnesi, armi, monili, insomma quanto serviva loro, per sopravvivere.

Erano artigiani molti abili nella lavorazione come ci dimostrano i dischi corazza e le schatelaines ritrovate poi nelle tombe femminili, come ad esempio quella della necropoli di Val Fondillo di Opi, (ora esposta negli uffici del Parco a Pescasseroli ), punto di transito, dei vari popoli che hanno attraversarono la zona.

E poi le olle, i boccali, le fuseruole, statuette votive ed altro, utilizzati nella vita di ogni giorno e tanti vasi, trovati in seguito a scavi, vicino alle tombe, per contenere il cibo che i vivi non facevano mancare ai loro morti.

Su queste terre passarono: SANNITI, MARSI, PELIGNI E VOLSCI e vissero felicemente, nutrendosi di orzo, farro, cicerchie, lenticchie, orapi, (spinaci selvatici, cicorie e dei prodotti delle loro pecore, fino a quando non arrivarono i Romani.

Per difendersi costruirono potenti mura, di cui ancora oggi si possono vedere tracce sul territorio d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Erano popolazioni che contava soprattutto sulle proprie virtù e sulla capacità di fronteggiare il nemico.

Non sfuggivano mai alla guerra, preferivano essere conquistati che rinunciare a sforzarsi a vincere, finché Roma prese il sopravvento e con la loro terra, si prese la loro arte, la loro cultura e questi uomini si chiamarono: Marsi, Sanniti, Volsci e Peligni, rimasti in questa parte d’Abruzzo, Lazio e Molise.

C’è da precisare che i Marsi divennero anche pescatori, visto la presenza del lago Fucino, ma questo si sapeva già.

L’uomo si è sempre mosso, non sono io a dirlo, ma è la storia.

Oggi, sta succedendo la stessa cosa, non vi pare?

PROMO BOX

Imprudente
FB_IMG_1716484659303
rapper Mondo Marcio
Parco Sirente Velino
Stabilizzazione precari della ASL 1, Pietrucci: "Lavoratrici e i lavoratori attendono da anni una soluzione definita al loro contratto di lavoro"
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
"Le vie della seta nella storia", domani ad Avezzano conferenza con il dott. Brizio Montinaro
Strage di Capaci: Ortucchio depone fiori al cospetto del murale dedicato a Falcone e Borsellino
FB_IMG_1716473701532
Memorial go-kart Gian Mauro Frabotta, come cambia la viabilità in piazza Cavour e strade limitrofe nei giorni 25 e 26 Maggio
Giornata Europea dei Parchi: domani a Pescasseroli eventi speciali a cura del PNALM e dei Carabinieri Forestali
Incentivi economici alle imprese abruzzesi che assumeranno disoccupati over 36, in particolare donne
Il cane Alvomano è il pastore maremmano abruzzese più bello d'Italia, il suo allevatore è di San Benedetto dei Marsi
Vittorio Sgarbi a Capistrello per presentare "Il leone di Ladispoli" di Davia Bondanza con un'intervista al dott. Raffaele Bisegna che sedò l'animale
IMG-20240523-WA0005~3
hera1
professoressa Barbara Carolli,
parco-nazionale-abruzzo-hd
Filomeno Babbo
Primario Luigi Zugaro con il sindaco Gianni Di Pangrazio
Il marsicano Andrea Mariani presta giuramento come nuovo diplomatico italiano
Oggi Tagliacozzo ricorda la figura di Santa Giovanna Antida con una messa in suo onore
rosario vescovo massaro terremarsicane
23 Maggio 1992 - 23 Maggio 2024: trentadue anni dalla strage di Capaci

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Anna Berardi
Anna Berardi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Barbara Carolli
Barbara Carolli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Gabriella Pietropaoli
Maria Gabriella Pietropaoli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina