Divieto dei botti, il commerciante: “Non c’è su tutti, fate buona informazione, così uccidete il settore”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. Da qualche giorno ad Avezzano e in tutta la Marsica non si parla d’altro: il divieto di far esplodere i botti di Capodanno, sancito da alcune amministrazioni comunali con un’ordinanza ad hoc emessa a ridosso della fine dell’anno.

Un commerciante di Avezzano, Pierluigi Subrani, interviene sull’argomento e chiede ai giornalisti di chiarire ai consumatori che non tutti i botti sono vietati. Lo sono quelli pericolosi. “In questi giorni on line e sulla carta stampata”, commenta Subrani, titolare della Pirotecnica Momenti Incantati, “sono usciti titoloni che deviano la corretta informazione e che non porta i clienti nei negozi. La gente spesso legge solo i titoli e così facendo i giornalisti compromettono il lavoro di famiglie che vivono di questo lavoro. Così i negozi si svuotano”.

“I fuochi di capodanno marcati CE si possono sparare” va avanti Subrani, “nei giorni scorsi il ministero dell’Interno ha diramato una circolare, la numero 17898 del 9/12/2016 con la quale chiarisce l’illegittimità delle ordinanze, laddove limitano i fuochi artificiali marcati CE. Anche le associazioni e il sindacato del settore pirotecnico, nei giorni scorsi hanno portato alla vista dei sindaci i vari provvedimenti emanati da numerose prefetture dove è chiaramente scritto che non è compito del sindaco vietare i prodotti di Capodanno marcati CE. A conferma di quanto detto dal Ministero e dalle prefetture si è espresso anche il Tar del Lazio annullando l’ordinanza della sindaca di Roma Virginia Raggi”.

“Quello che chiedo”, conclude il commerciante, “è che i giornalisti non affossino chi fa questo lavoro e che ha buone opportunità in questi giorni di festa. Il nostro non è un settore facile e la crisi non ci aiuta”.

E d’altronde, che Capodanno è senza fuochi d’artificio…

 




Lascia un commento