Colpo grosso a Luco dei Marsi, i banditi fuggono con cinquantamila euro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – Bottino ricco per i ladri che hanno letteralmente “ripulito” l’abitazione di un’anziana coppia, tra le 9 e le 11.30 di domenica, in via Torlonia a Luco dei Marsi. Un colpo da manuale quello messo a segno dai malviventi, che hanno lavorato di mazza e punteruolo senza darsi neanche la pena di scavalacare il cancello, forzato come il portone blindato all’ingresso, letteralmente scardinato. L’assalto alla villetta sembra essere stato pianificato in dettaglio, dato che “i soliti ignoti” sembrano aver agito con grande sicurezza, dall’assenza dei prorietari alla presenza di una cassaforte dal contenuto più che appetibile.

Diffusasi la notizia, un residente ha ricordato di aver stazionato per diversi minuti nei pressi della casa svaligiata, impegnato in una conversazione telefonica, e di aver sentito a lungo dei colpi ma di aver pensato si trattasse di qualcuno alle prese con riparazioni casalinghe.

All’interno i banditi erano indaffarati in tutt’altro: scovata la cassaforte, nascosta dietro a un quadro in salotto, l’hanno letteralmente divelta e svuotata. I malviventi hanno fatto man bassa dei gioielli di famiglia e di una discreta somma in contanti. Agli anziani coniugi che, rincasando al termine della messa domenicale, hanno trovato l’amara sorpresa, non è rimasto che allertare i carabinieri e presentare denuncia contro ignoti. La sindaca Marivera De Rosa, appresa la notizia, ha contattato i vertici delle forze dell’ordine, tornando a sollecitare maggiore presenza sul territorio e annunciando un’iniziativa mirata che partirà a breve.

“Ho un contatto pressoché costante con gli organi deputati”, ha spiegato la Sindaca, “Il tema della sicurezza è per me cruciale, e al riguardo stiamo conducendo un’azione a tutto campo, per tutto quanto è nelle nostre possibilità. L’iter per l’implementazione del sistema di videosorveglianza procede, certo è che occorrerebbe dare ai sindaci gli strumenti reali e risorse per tutelare al meglio la sicurezza dei cittadini”. Sul caso indagano i militari della locale stazione.




Lascia un commento