Collelongo, stende un 41enne con una palata in faccia



Collelongo. Aggredisce un uomo con una pala e lo lascia a terra in fin di vita. Il tutto al centro del paese, intorno alle 17.30, davanti alla chiesa.

Pomeriggio di terrore a Collelongo dove un 41enne del posto che da poco è tornato a vivere a Collelongo dopo anni di permanenza a Roma, è stato ferito gravemente al volto con il bastone di una pala.

Non è ancora chiara la dinamica dell’accaduto ma da una prima ricostruzione dei fatti sembra che tra il 41enne (P.D.C. le sue generalità) e un allevatore di Collelongo ci fossero già da tempo dissapori. Tanto che qualcuno, a seguito di quello che è accaduto ieri pomeriggio, ha raccontato che già un mese fa i due avevano litigato in pieno centro e a dividerli era intervenuto Ottaviano Del Turco, l’ex governatore della Regione, che abita ancora a Collelongo, il suo paese d’origine.

Ieri pomeriggio sembra che l’allevatore di Collelongo, D.A., 52enne, fosse insieme al figlio e con una jeep pare abbiano parcheggiato in piazza dove poi hanno litigato con il 41enne. Fino a quando, non è chiaro se il padre o il figlio, uno dei due pare abbia preso il bastone di una pala dall’interno dell’auto, tirandolo violentemente in faccia all’uomo che è crollato, esanime.

Sul posto è stato richiesto l’intervento dei carabinieri e dell’ambulanza del 118 che ha trasferito il ferito al pronto soccorso di Avezzano. Il 41enne ha subito un piccolo intervento chirurgico ed è stato giudicato guaribile in dieci giorni.

Sui motivi che hanno scatenato la lite tra il pastore e P.D.C., che collabora con una ditta di trasporti locale, non si sa molto, ma sembrerebbero legati a banali motivi, tra cui qualche apprezzamento di troppo a una donna.

Il caso è stato preso in carico dai carabinieri della compagnia di Avezzano che hanno identificato i presenti per poi portarli in caserma e procedere con le denunce all’autorità giudiziaria.

Anche D.A. è stato curato in ospedale per delle ferite. E’ stato dimesso con una prognosi di cinque giorni.



Leggi anche

Lascia un commento