Colella chiede alla Regione la revoca della concessione a Norda



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Canistro  – La Italiana Beverage Spa, società del gruppo Colella, proprietaria del marchio Santa Croce e dello stabilimento di Canistro, ha inviato una diffida ufficiale alla Regione con la quale chiede la revoca della concessione provvisoria assegnata il 22 marzo scorso alla Norda Spa, del gruppo dei fratelli Pessina, per lo sfruttamento delle sorgenti Sant’Antonio Sponga di Canistro.

Lo fa sapere in una nota il gruppo Colella.

Nel bando del 15 dicembre scorso la Italiana Beverage Spa è arrivata di fatto seconda, non superando però la soglia di sbarramento di 65 punti, quindi non inserita nella graduatoria che vede unica idonea la Norda. Il gruppo Colella  con la Santa Croce Spa ha imbottigliato acqua minerale fino allo scorso anno dalla stessa sorgente finché non gli è stata revocata la concessione con motivazioni impugnate dall’imprenditore molisano in sede giudiziaria e amministrativa. Il gruppo Colella, che ha un duro contenzioso con la Regione, ha presentato ricorsi al Tar e al Consiglio su tutti i passaggi del bando.

Alla base della richiesta di revoca della concessione provvisoria, spiega  Nicolino Motanaro, legale rappresentante pro tempore di Italiana Beverage Spa, il fatto che la Norda spa non ha ottemperato “all’obbligo previsto dalla legge e dal bando, ai fini dell’aggiudicazione definitiva,  di predisporre la necessaria documentazione per la Valutazione di impatto ambientale, comprensiva di progetto definitivo, da inviare entro 60  giorni al Comitato di coordinamento regionale di valutazione di impatto ambientale”.

“La gara per la concessione della sorgente Sant’Antonio Sponga di Canistro è aperta in quanto la Norda ha ottenuto il solo affidamento provvisorio con i successivi adempimenti, di cui non si sa nulla, ancora in corso – spiega Colella -. Inoltre, sono ancora pendenti i ricorsi che ho presentato contro l’iter e l’aggiudicazione provvisoria. Gli enti interessati, in testa Regione Abruzzo e Comune di Canistro, nei vari interventi pubblici, considerano già chiuso a vantaggio della Norda. A mio avviso stanno influenzando e inficiando tutto il percorso creando varie problematiche. A tale proposito, stiamo ragionando con i legali per denunciare il grave stato di cose”.

Secondo la diffida, con i termini oramai ampiamente scaduti, la Norda spa ha proceduto infatti, a partire dal 18 maggio, solo ad una  procedura di Verifica di assoggettabilità,  che non può essere in alcun modo assimilata alla procedura di Valutazione di impatto ambientale,  prevista dalla legge vigente.

Per far valere le sue ragioni,  Italiana Beverage Spa ha inviato in data 13 luglio due distinte comunicazioni.




Lascia un commento