Cittadini virtuosi nella differenziata: celanesi premiati, avezzanesi no



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. I cittadini di Avezzano sono i più virtuosi della Marsica in quanto a raccolta differenziata. Ma nessuno sconto è stato fatto per loro sulle bollette della Tari. I consiglieri comunali di Partecipazione Popolare hanno appena presentato un’interrogazione in cui chiedono spiegazioni. Perché a Celano l’amministrazione comunale ha abbassato la tassa (il sindaco Settimio Santilli ha di fatto vinto una scommessa) mentre Avezzano no?

Questa mattina il sindaco di Celano ha pubblicato sulla bacheca Facebook la bolletta del 2016 dove i cittadini potranno vedere con i loro occhi la riduzione della tassa rispetto all’anno precedente.

“La nostra contropartita per il vostro impegno. Lo avevamo promesso circa un anno fa. GIU’ LA TASSA SUI RIFIUTI. Oggi lo dimostriamo con i fatti...”, ha scritto il sindaco,Mi scappa il sorriso se ripenso al 2013 quando iniziammo insieme la raccolta differenziata porta a porta.
Quante volte mi sentii dire: tu sei pazzo che vuoi togliere i cassonetti a Celano.
Ora vorrei vedere in quanti li rivorrebbero.
I fatti hanno dimostrato che Celano è una realtà più civile di quanto si immagini.
Giu’ la TARI. Mai più cassonetti. Più decoro, per una Celano sempre più accogliente e salubre”.

taricelano

Nessuno sconto invece per gli avezzanesi. E così i consiglieri di Partecipazione popolare passano all’attacco e interrogano il sindaco. Ecco il testo del documento protocollato questa mattina:

Avezzano, lì 30 novembre 2016

Al Presidente del Consiglio comunale, Domenico Di Berardino

Oggetto: interrogazione al Sindaco, urgente a risposta scritta, sulla mancata riduzione della Tari nel Comune di Avezzano come conseguenza dell’incremento della raccolta differenziata (art.75 del Regolamento del Consiglio comunale)

Premesso che:

-La gestione dei rifiuti deve essere effettuata senza danneggiare la salute umana e senza recare pregiudizio all’ambiente e, coerentemente, le normative ed i regolamenti in materia devono premiare le comunità che rispettino tali fondamentali principi (Direttiva Europea 2008/98 e sgg.);

-Il Comune di Avezzano appartiene al gruppo dei 1368 comuni italiani virtuosi per quanto concerne la differenziazione dei rifiuti solidi urbani, ovvero che superano la soglia del 65% di raccolta differenziata. Un successo dovuto al certosino lavoro di una serie di assessori (ricordiamo solo l’ultimo ma non ultimo, l’avv. Crescenzo Presutti) che hanno fatto tanto bene il loro mestiere da meritare di essere tutti sostituiti dal Sindaco “supertecnico”;

 -La progressiva riduzione delle quantità di rifiuti conferiti in discarica ha portato a risparmi importanti per il Comune di Avezzano, sulla base del meccanismo premiale noto come ecotassa (Legge n. 549/1995);

-Il progressivo incremento delle quantità di raccolta differenziata ha permesso inoltre il recupero, il riciclo e la vendita di pregiati materiali conferiti dai cittadini (alluminio, carta, vetro, plastica, ecc.);

-Il combinato disposto del doppio meccanismo sopraesposto (riduzione ecotassa e vendita materiali pregiati) avrebbe dovuto portare ad una progressiva e sostanziale riduzione della tassa sui rifiuti (TARI) a beneficio della cittadinanza tutta. Questo è puntualmente avvenuto in centinaia di comuni italiani che hanno superato la soglia del 65% di differenziazione, con sconti di tariffa fino al 50%. Solo per fare un esempio a noi vicino, il Comune di Celano, come conseguenza della differenziazione dei rifiuti, ha già ridotto la TARI del 10% nel 2016 ed un ulteriore 10% sarà ridotto nel 2017 e così via di seguito;  

-Più volte la questione della riduzione della TARI è stata sollevata nel corso degli ultimi anni e più volte il Sindaco Di Pangrazio ha risposto in maniera evasiva rinviando tutto ad un futuro più o meno lontano. A cinque mesi dalle elezioni per il rinnovo del Sindaco, è lecito pensare che anche di questo aspetto del Programma di Mandato non se ne farà nulla, come non si è fatto nulla sugli aspetti più qualificanti del Programma stesso;

-Si è generato in definitiva un sistema perverso. La raccolta differenziata aumenta, ma il Comune non controlla. Il cittadino pertanto genera un bene, il rifiuto differenziato, del cui valore viene a beneficiare solo il privato, complice un’Amministrazione quantomeno “distratta”. Una situazione assurda ed intollerabile per i cittadini di Avezzano che meriterebbe una maggiore attenzione da parte degli organi di controllo (Magistratura e Corte dei conti).

 Tutto ciò premesso, si chiede di sapere:

-per quale motivo la vendita dei pregiati materiali conferiti in gran quantità dai virtuosi cittadini di Avezzano (alluminio, carta, plastica,vetro, etc.) non si è ribaltata, a differenza degli altri comuni virtuosi come Celano,  in una sostanziale riduzione della tariffa?

per quale motivo l’Amministrazione è rimasta inerte, e non ha attivato in questi lunghi cinque anni i sistemi di misurazione (peso e volume) che costituiscono la premessa per la riduzione puntuale della tariffa? 

-per quale motivo dei tre centri di raccolta previsti nel contratto con Tekneko,  soltanto uno risulta operativo?  Ove fossero operativi tutti e tre, il costo del servizio scenderebbe ulteriormente, con possibilità anche per tale via di riduzione della tariffa;  

-per quale motivo il settore Ambiente del Comune è stato mantenuto in una situazione di sistematica disorganizzazione e sotto dimensionato come organico? La disorganizzazione del settore e la continua sostituzione di assessori, mirano forse a lasciare le cose esattamente come sono? Ben altro trattamento si riserva il Sindaco, che si è dotato di uno staff elefantiaco di 10 impiegati e di ben due dirigenti, dei quali l’ultimo (Sergio Natalia) assunto con una retribuzione stellare di quasi 70mila euro più benefit e premi. Non sarebbe stato meglio far funzionare il settore Ambiente dotandolo delle opportune professionalità, e così ridurre le tariffe per tutta la comunità?

-Per quale motivo il Comune di Avezzano non ha adottato la cosiddetta “Tariffa Puntuale”, così come hanno fatto molti comuni virtuosi, una tariffa personalizzata che permette a ciascun utente di pagare in base alla quantità e alla qualità di rifiuti conferiti?

In definitiva, i virtuosi cittadini di Avezzano dovevano essere premiati già da tempo con importanti sconti della TARI, ed invece sono beffati da tariffe eccessive, e qualcuno invece si è arricchito, complice la distrazione dell’Amministrazione. Ma forse non si tratta di distrazione, bensì di mancanza di volontà politica da parte del Sindaco che nulla ha fatto, in questi anni, per ridurre la tariffa applicando il sistema di controllo a peso e volume previsto dalla legge e dai regolamenti.

Non solo di distrazione si tratta, ma anche di inerzia e cattiva gestione, per non dire altro.  Come consiglieri comunali, ci interroghiamo da tempo su dove siano le strutture preposte ai controlli sulla Pubblica Amministrazione. Anche chi dovrebbe “controllare” il Comune, ad Avezzano, appare stranamente distratto.

I consiglieri di Partecipazione Popolare: Alessandro Barbonetti, Vincenzo Gallese, Alberto Lamorgese

 




Lascia un commento