Celano piange l’ex sindaco Italo Taccone. Il cordoglio del mondo della politica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – E’ morto Italo Taccone, conosciuto non solo a Celano ma in tutta la Marsica come politico di sinistra.

Taccone ha combattuto contro una grave malattia. Aveva 69 anni.

Dopo essere stato consigliere comunale fu sindaco negli anni 1978-1979, consigliere provinciale negli anni ’80 (intera legislatura). E’ stato più volte candidato sia alle Regione che alla Camera dei Deputati. Poi di nuovo consigliere comunale e infine sindaco dal 1999 al 2004. Di nuovo fu consigliere comunale e infine presidente della Comunità Montana dal 2005 o 2006.

E’ stato più volte segretario dei giovani comunisti e del partito comunista.

Lascia la moglie Nazzarena e i figli Andreina, Stefano e Leonardo. La camera ardente è stata allestita nella sua abitazione di Celano.

“Se n’è andato un onesto ed integerrimo uomo e politico”, commenta Calvino Cotturone, segretario del Pd di Celano, “ha speso tutta la sua vita nell’interesse e per il bene della collettività. Per me un esempio da seguire, una guida, sempre pronto e disponibile nel consigliare ed aiutarci ad affrontare le problematiche. Il bene della cittadinanza prima di ogni altra cosa. In qualità di segretario del PD ed a nome di tutti i tesserati del circolo esprimo le più sentite condoglianze alla famiglia Taccone”.

“Era una persona per bene, un uomo onesto”, commenta il sindaco Settimio Santilli, “un politico del popolo soprattutto sincero e molto modesto. Sicuramente sapeva dispensare buoni consigli a tutti al di là della politica. Con lui avevo un rapporto molto schietto e sincero. Sono legato a lui e alla sua famiglia anche per l’amicizia che ho con i figli. Esprimo le mie condoglianze alla famiglia a nome mio, del Comune e di tutta la popolazione di Celano”.

Esprimono cordoglio per la scomparsa dell’ex sindaco di Celano, l’intera amministrazione comunale di San Benedetto dei Marsi e di Canistro.

Domani, prima dei funerali, sarà allestita la camera ardente in Comune.




Lascia un commento