Celano, la Corte dei conti contesta un presunto danno erariale alle casse comunali, Cotturone “A distanza di 6 anni forse si farà chiarezza”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano – “Nel 2012 ero consigliere comunale di minoranza ricorda il segretario del Pd Calvino Cotturone, insieme ai colleghi Carlo Cantelmi, Antonello di Stefano, Aniceto Ciaccia, Nazareno Tiberi, Daniele Bombacino, Mario Vicaretti e Giuseppe Cleofe durante i Consigli Comunali, chiedevamo maggiore trasparenza degli atti ed una gestione più oculata dei soldi pubblici. Si provava a far riflettere i colleghi di maggioranza ad un sano confronto per il bene di Celano, ma senza alcun ascolto a maggioranza andavano avanti provando anche a metterci in cattiva luce di fronte ai cittadini.

A distanza di quasi 6 anni probabilmente la Corte dei conti riuscirà a fare chiarezza. La Guardia di Finanza ha notificato dei provvedimenti a dieci persone tra questi funzionari, ex amministratori, ma anche l’attuale Sindaco Settimio Santilli, il vice Sindaco Ezio Ciciotti e il consigliere con delega ai lavori pubblici Filippo Piccone.

Al centro del provvedimento sembra ci sarebbero i finanziamenti concessi alla squadra del Celano calcio per anni presieduta anche dal padre dell’allora Sindaco Filippo Piccone. I Finanzieri guidati dal Comandante Alessio Grillo hanno consegnato dieci inviti a dedurre, provvedimenti che vengono adottati quando ci si trova di fronte a presunti danni erariali alle casse comunali.

Negli anni, continua Calvino Cotturone, abbiamo svolto il nostro lavoro di consiglieri comunali sempre seguendo i valori che ogni amministratore dovrebbe avere, ma i nostri interventi cadevano nel vuoto, nessuno ascoltava i nostri consigli e cosa ancora più grave è che oggi a distanza di anni nulla è cambiato.

Restiamo come sempre garantisti, ma vorremmo che la cittadinanza fosse informata su quanto sta accadendo, quali sono le motivazioni del provvedimento, a quanto ammonta il presunto danno erariale che la Corte dei Conti contesta e se a pagare ancora una volta saranno i cittadini”.




Lascia un commento