Cam, ferie negate al dipendente che deve assistere il padre malato



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. “Mio padre è finito in ospedale con l’ulcera perforata. Ha 72 anni e ha bisogno di assistenza 24 ore su 24. Ho chiesto di prolungare le ferie di una settimana ma non mi è stato concesso dall’amministrazione, a quanto pare per esigenze di copertura”.

A parlare è Marco Tommasi, dipendente del Cam, il Consorzio acquedottistico marsicano.

“Il 31 dicembre mio padre è stato ricoverato in ospedale”, racconta il dipendente del Cam alla redazione di Terremarsicane, “gli è stata diagnosticata l’ulcera perforata ed è stato operato. Io ero in ferie, di fatto, fino all’otto gennaio. Mio padre è anziano e ha bisogno di assistenza, in quanto ha subìto un intervento delicato. Ho chiesto di poter allungare le ferie di una settimana per potergli stare vicino ma mi è stato negato. Mi hanno detto che è perché ci sono problemi di copertura del mio posto. Sono rammaricato per il fatto”, conclude, “che ad altre persone, per questo tipo di problema, cioè la malattia di familiari, è stato concesso anche un mese di ferie. E’ per questo che ho deciso di raccontare la mia storia, non lo trovo semplicemente giusto”.




Lascia un commento