Cagnolina legata a un albero e uccisa. LNDC sporge denuncia e lancia un appello: “chi ha visto collabori”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Luco dei Marsi – LNDC Animal Protection ha sporto denuncia, per ora contro ignoti, verso chi ha commesso un gesto tanto crudele quanto premeditato. L’agghiacciante uccisione di un cane in provincia de L’Aquila a Luco dei Marsi, infatti, non può non avere giustizia: l’animale, come ormai noto, è stato legato a un albero e successivamente privato del microchip per fare sì che il proprietario non fosse rintracciabile. L’architettura del delitto fa immaginare l’inquietante scenario in cui deve essersi consumato il fatto e la pericolosità di chi l’ha commesso.

Chi si è macchiato di una crudeltà del genere non può e non deve passarla liscia”, ha affermato Piera Rosati, Presidente LNDC Animal Protection, che ha continuato: “Persone che sono capaci di tali efferatezze e di prendersela in questo modo con un animale che non può difendersi, sono un pericolo per tutti.

Vanno fermate e punite in modo severo. LNDC si mette a disposizione e rafforza l’invito ai cittadini di collaborare alle indagini tuttora in corso. Preghiamo chiunque possa dare informazioni utili di contattarci all’indirizzo avvocato@legadelcane.org o di chiamare le Forze dell’ordine. Aiutateci ad assicurare alla giustizia chi ha ucciso senza pietà questo povero cane”, ha concluso la presidente.

LNDC Animal Protection, quindi, si mette a fianco al sindaco di Luco dei Marsi, Marivera De Rosa, che sta seguendo da vicino il caso, per essere tutti uniti verso un comune obiettivo: trovare il colpevole e fare giustizia.

Comunicato stampa LNDC Animal Protection