“Bufera” sul caso Quinta Colonna a Celano. La replica di Perrotta: “Non ho nulla da temere, alcuni soggetti vogliono danneggiarmi”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano. Sul caso Quinta Colonna a Celano arriva la replica di Ugo Lucio Perrotta, che pubblichiamo per intero:

<< Dopo aver letto l’articolo pubblicato il 22/03/2017 su “TERRE MARSICANE”  a firma del Direttore  Magda Tirabassi, ritengo per diritto di replica precisare alcuni aspetti :

PER PRIMO: Condivido a pieno ciò che il Direttore del Giornale, non per primo, così come l’intera comunità celanese, prova all’indomani del commento a dir poco volgare del cittadino Gianvincenzo Sforza proferito nella diretta di QUINTA COLONNA su Rete 4 di Lunedì 20 Marzo. Ognuno è responsabile di quello che dice. Condanno la forma del commento offensivo assolutamente non previsto nella scaletta della diretta, ma soprattutto non autorizzato dal sottoscritto, che per quanto se ne dica si stà impegnando da alcuni anni per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni a trovare soluzioni e ad adottare provvedimenti seri e decisi all’annosa problematica della Sicurezza dell’intero territorio Marsicano.

PER SECONDO: Non condivido l’attacco alla piazza di Milano fatta sempre da Sforza, perché è risultato una guerra tra poveri, ogni cittadino difende la propria casa e la propria famiglia come meglio crede, anche a mani nude. Le persone presenti in sala a Celano, hanno dimostrato comunque il loro coraggio, nessuno è stato legato per rimanere o obbligato a parlare, oltretutto dopo l’infelice intervento di Sforza, al quale ricordo che è stato lui a presentarsi e sembrava gli piacesse il gioco mediatico al massacro, hanno troncato la diretta ed hanno tolto al sottoscritto gli ultimi 3 minuti per chiudere le considerazioni  sul discorso legittima difesa e giusta pena. Nel rivedere i miei interventi non mi pare di aver detto la parola straniero, marocchino, extracomunitario.. Io Lucio Perrotta, sono l’unico responsabile della buona o cattiva riuscita della diretta, io sono l’unico responsabile delle mie azioni e delle mie convinzioni.. Una convinzione fra tutte che mi ostino ancora oggi a credere, che i celanesi non sono solo i moralisti ed opinionisti dei Social, puri e vergini seduti sul divano, pronti a giudicare ciò che fanno gli altri, ma guai a fare qualcosa di proprio per paura dei giudizi, per paura di sporcarsi le scarpette firmate, per non assumersi responsabilità o solo per insicurezza e menefreghismo. Giudicare e non fare, risulta sempre più semplice e conveniente.

ORA PIU’ CHE MAI sono convinto di non aver nulla da rimproverarmi per le iniziative adottate, rimango fedele alla mie convinzioni in tema di SICUREZZA E PER LA DIFESA DELLA MIA FAMIGLIA. Dopo due furti, due tentati furti e dopo che mia moglie ha dovuto affrontare due donne di certo non celanesi, ma di Etnia Rom dentro il giardino di casa, due uomini non celanesi di Etnia Rom poco distanti e con mia figlia che terrorizzata si è dovuta barricare in macchina e piangendo mi ha telefonato… Sinceramente me ne frego dei buonismi e dei moralisti. Caso ha voluto che per una manciata di minuti non sono riuscito ad affrontarli, senno’ altro che manganelli a torcia.. Mi sveglio ancora adesso di notte, dopo 9 anni dal primo furto, per ogni singolo rumore, quando torno a casa a qualsiasi ora, vado per aprire tutte le porte e gli sportelli.. Bella condizione dentro casa mia..

Molti sono venuti a lamentarsi, da chi ha subito un furto o chi solamente percepisce situazioni di paura e di distanza con le istituzioni. Mai a nessuno ho detto armatevi, anzi il contrario.. Chi è amante della politica come me, non ha colpe se il Politico di ruolo, in studio ce ne erano tanti, non ha la volontà di sbattere i pugni sui tavoli che contano.. Come ho sempre detto pubblicamente in piazza e nei comizi, nelle riunioni e nelle tante occasioni, non spetta di certo a noi cittadini difendersi dentro le proprie case contro i delinquenti primi fra tutti gli Italiani e poi via via gli altri, con mezzi a volte discutibili, ma che riteniamo più opportuni, però finalizzati sempre ed esclusivamente a garantire l’incolumità dei propri cari. Il rammarico più grande resta nel fatto che, un occasione avuta con la diretta di Quinta Colonna, la quale può piacere o non piacere, che di certo non va a risolvere i problemi il giorno dopo, ma che comunque ha dato una possibilità importante a livello Nazionale di far sentire la propria voce, la voce di chi la Politica non vuole ascoltare ho fa finta di non sentire, non è stata recepita dai molti che hanno preferito stare seduti sul divano. Ovvio che con loro, la qualità degli interventi sarebbe stata di grado superiore.

PER TERZO E PIU’ IMPORTANTE:

Nel pieno rispetto dell’attività giornalistica del Direttore di “TERRE MARSICANE” Magda Tirabassi, stimata professionista ed amica,  ritengo doveroso intervenire sulla notizia riferita al fatto di ESSERE INDAGATO.

Faccio difficoltà nel comprendere le motivazioni, seppur libere, che stanno spingendo alcuni soggetti a danneggiare la mia persona. Mai e poi mai avrei pensato che portare avanti la Battaglia per la SICUREZZA ed essere in prima linea per difendere il Diritto alla Legittima Difesa dentro la Propria Proprietà mi avrebbe portato a conseguenze di questo genere.

Sapevo già dall’inizio di dare fastidio a molti, ma non vedo il nesso di gettare discredito su qualcuno, soprattutto con “scoop” giornalistici che nulla hanno a che vedere con il tema della trasmissione o delle mie battaglie.

Ringrazio Magda Tirabassi per essersi interessata alla vicenda, in quanto ad oggi non ho ricevuto nulla. Infatti vado subito in Procura ad informarmi.

Cosa Significa Ugo Lucio Perrotta Indagato? Vado subito a vedere e provvederò con le azioni che ritengo più opportune. Per fortuna non vendo armi e non sono capo di una banda di ladri..

Faccio presente di non aver nulla da temere, posso tranquillamente affermare di non aver mai ricevuto alcunché, percepito illeciti o proventi illegittimi.

Unico risultato degno di nota è il fatto di aver danneggiato la mia persona e creato destabilizzazione alla famiglia senza giustificato motivo.

La considero solo una piccola ferita fatta ad un felino già arrabbiato. Ognuno è libero di giudicare, ma per difendere la mia famiglia e la mia tranquillità da persona civile ed onesta, sono disposto a tutto..

Per ultima replica a mezzo stampa,

Ugo Lucio Perrotta

https://www.terremarsicane.it/quinta-colonna-arriva-a-celano-per-lallarme-sicurezza-offese-a-cecchi-paone-in-diretta-tv-i-politici-vogliono-la-pistola-ma-finiscono-nelle-inchieste-per-sfruttamento-dellimmigrazione-clandestin/

Caso Quinta Colonna a Celano, Sforza: “Mi sono fatto coinvolgere in un gioco mediatico al massacro”



Lascia un commento