Bocconi avvelenati, denunciato agricoltore marsicano



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ortucchio – Un agricoltore di Ortucchio, M.V., è stato denunciato dai carabinieri forestali di Collelongo perché ritenuto responsabile di aver predisposto dei bocconi avvelenati in un terreno adiacente alla stalla della sua azienda, in via Dante Alighieri.

Come riporta il giornale online Abruzzoweb, i militari hanno ritrovato i resti di una delle esche, pezzi di carne mischiati con sostanza granulare di colore nero, e hanno così deciso di perquisire la vicina struttura, dove hanno sequestrato 1,5 chili di Temik, sostanza il cui principio attivo, l’Aldicarb, è un insetticida carbammato usato in agricoltura in quanto potente nematocida.

Si tratta di un prodotto estremamente tossico e per questo spesso utilizzato per la preparazione di bocconi avvelenati.

L’uomo è stato denunciato all’autorità giudiziaria ipotizzando violazioni agli art. 544 bis e 544 ter c.p.(uccisione e maltrattamento di animali), art. 638 c.p. (uccisione o danneggiamento di animali altrui), art. 674 c.p. (getto pericoloso di cose), art. 440 c.p. (adulterazione o contraffazione di sostanze alimentari), art. 452 c.p. (delitti colposi contro la salute pubblica), art. 439 c.p. (avvelenamento di acque o di sostanze alimentari), art. 146 TULS r.d. 1265/34 (fabbrica commercio e distribuzione di sostanze velenose), art. 21 lettera “u” L. 157/92 (divieto di utilizzo esche o bocconi avvelenati); ordinanza Ministero della salute 10/02/2012 e ss. mm. ii..

L’esca avvelenata è stata inviata all’Istituto Zooprofilattico di Teramo (sezione staccata di Caruscino) per le analisi di rito.




Lascia un commento