Avezzano, Di Pangrazio: “Abbiamo già vinto”. De Angelis: “Il voto del ballottaggio non è scontato”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. “Un distacco del dieci per cento vuol dire che abbiamo già vinto e che la città ci ha riconfermato”. Nel ringraziare i suoi elettori, Gianni Di Pangrazio, che punta al suo secondo mandato, non ha dubbi: “Avezzano ha già scelto”.

“Ci sono stati degli errori”, commenta Di Pangrazio il fatto che una sezione non abbia concluso lo scrutinio e sia stata costretta a inviare tutto al tribunale, “36 ore di fila, con una grande affluenza, può stancare. Quello dei presidenti e degli scrutatori è un duro lavoro. Molto probabilmente”, conclude, “con meno errori saremmo riusciti già a vincere al primo turno. Il distacco del 10 per cento supera anche il risultato ottenuto al primo turno alle scorse elezioni”.

“Aver raggiunto un 35 per cento per noi è un ottimo risultato. Per questo ringrazio tutti gli avezzanesi che sono andati alle urne per noi”, il commento del candidato Gabriele De Angelis, “abbiamo lavorato con una coalizione costruita tre mesi fa, che ha lavorato bene. Il nostro primo obiettivo lo abbiamo raggiunto”, va avanti, “e non darei per scontato il risultato del ballottaggio. Si tratta di una nuova partita da giocare, dall’inizio”. Per De Angelis la partita è ancora aperta.

“Come candidato sindaco sono riuscito ad avere circa 500 voti più delle liste”, conclude, “Di Pangrazio ha circa 1.500 voti in meno delle liste. Un altro risultato lo dobbiamo comunque mettere in conto. Qualora non dovessimo vincere, per la prima volta, in consiglio comunale entrerebbero comunque dei giovani alla loro prima esperienza che porterebbero una ventata di nuovo. Per circa due terzi il consiglio sarebbe composto da loro”.

 

 



Lascia un commento