Autostrada dei Parchi, fra pedaggi d’oro e lavori in corso, Ministro e Sindaci provano a trovare una soluzione



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Va avanti il confronto fra Sindaci e Amministratori di Lazio e Abruzzo con il Ministro Enrico Giovannini e i commissari Gentile e Fiorentino, tutti impegnati a trovare soluzioni per scongiurare i pesanti rincari delle tariffe autostradali nell’ambito di una rumorosa protesta che da quattro anni vede in prima linea le istituzioni locali dei territori.

Nell’incontro avvenuto durante la mattinata del 28, sono stati riannodati i fili di un serrato scambio fra Governo e enti locali che ha visto ben quattro ministri investiti del problema negli ultimi quattro anni, tuttavia questa volta, l’esito del meeting pare abbia consentito una condivisione di intenti che, almeno sul piano metodologico, sembrerebbe aver creato sintonia fra le parti.
La soddisfazione di Sindaci e amministratori, trova giustificazione nel manifestato impegno, da parte del Ministro, a trovare risorse al di fuori del PEF per bloccare gli aumenti tariffari dal 1 gennaio 2022. All’incontro erano presenti anche l’Onorevole, Stefania Pezzopane e il sottosegretario alla Presidenza della Regione Abruzzo, Umberto D’Annuntiis.

I rappresentanti del Governo, si sono inoltre impegnati a convocare un nuovo tavolo, in tempi brevi, per rendicontare sull’iter di definizione del Piano Economico Finanziario in relazione ai provvedimenti finalizzati alla risoluzione della tematica.

Nel confronto con i commissari, particolare attenzione è stata posta al tema della sicurezza. Sindaci e Amministratori hanno rappresentato al Ministro la volontà di affrontare insieme le criticità legate all’intera mobilità fra le due regioni Lazio e Abruzzo, vista la posizione strategica di entrambe.


In attesa del prossimo appuntamento, la delegazione dei referenti istituzionali dei territori, ha diffuso un comunicato stampa nel quale si legge che continueranno a mantenere alta la guardia, tornando a riunirsi a Carsoli il 3 Novembre alle ore 18:30 per fare un punto della situazione.