ASD Pucetta, arriva Carmine Silvestri “Sono contento di essere qui”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – L’ASD Pucetta è contenta di comunicare l’ufficialità del passaggio in gialloblù del centrocampista, classe ’81, Carmine Silvestri.

Silvestri è un giocatore molto tecnico ed è una vecchia conoscenza di Ugo Petitta e Corrado Giannini con il quale hanno lavorato assieme nel Magliano Montevelino. Di seguito le prime parole del neo giocatore del Pucetta

Sono contento di esser qui. Ho accettato il Pucetta perché credo che una categoria in più, per chi ama giocare a calcio, dà maggiori stimoli. Vengo dalla cocente esperienza di Magliano, in cui gli ultimi due anni son stati molto disastrosi per mille questioni che non sto qui ad elencare. L’anno scorso invece sono stato ben accolto da mister Paolo Tarquini al Tagliacozzo (in Prima Categoria n.d.r.) e dalla nuova società e da molti compagni che peraltro già conoscevo. E’ stato un anno meraviglioso, un anno che non dimenticherò mai, talmente bello da passare così velocemente da non rendermene neanche conto.

Mi ero promesso a fine stagione che, se me ne avessero data l’opportunità, sarei sicuramente rimasto ad occhi chiusi in quel bellissimo contesto, tanto è vero che avevo già iniziato la preparazione con i biancoverdi. Ma come un fulmine a ciel sereno è arrivata la chiamata del Pucetta.

All’inizio ho un po’ tentennato perché ritenevo il campionato di Promozione un impegno molto importante, ma poi è scattato qualcosa dentro di me che è difficile da spiegare e che può capire solamente chi ama questo sport. Ho avuto uno stimolo in più e pur se a malincuore da una parte per aver lasciato una società che mi ha rilanciato, dall’altra sono stato investito da un entusiasmo unico e raro al solo pensiero di poter disputare di nuovo un campionato di Promozione.” Sul dg Petitta e mister Giannini, Silvestri dice: “Ritrovo un grande dirigente e un grande allenatore.

Con quest’ultimo ho avuto il piacere di lavorare per più di tre stagioni, un mister che crede molto sui giovani. Credo che questa società possa crescere moltissimo e togliersi tante belle soddisfazioni” Silvestri nonostante i 37 anni suonati ha la voglia di un ragazzino “E’ vero, non sono più un ventenne ma se ho deciso di fare questa scelta è soprattutto per mettere a disposizione la mia esperienza ed aiutare quei ragazzi che stanno crescendo. I senatori del Pucetta come capitan Bisegna sono miei coetanei che stimo molto e sono veramente contento di poter affrontare un campionato al loro fianco.

Come sto fisicamente? Benissimo! Diciamo che sto vivendo una seconda giovinezza come il mio idolo il “giovin Totti”. Mi sento bene e mi alleno sempre al massimo per poter dare sempre il meglio di me.”




Lascia un commento