Allarme droga a Celano, il sindaco: “Il fenomeno va combattuto anche socialmente”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. A seguito della brillante operazione condotta dagli agenti della Questura dell’Aquila che ha portato all’individuazione e all’arresto dei componenti di una banda dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti tra il Piemonte e la Marsica, il sindaco di Celano Settimio Santilli, ha voluto ringraziare e plaudere la questura dell’Aquila e i poliziotti per l’intervento antidroga effettuato l’altra sera a Celano e nella Marsica. Ben vengano queste operazioni condotte con professionalità e competenza dalle forze dell’ordine, ma il fenomeno va combattuto non solo legalmente, ma anche socialmente.

L’ampiezza del problema non va affatto sottovalutata e non va sottaciuta, perché se è vero che c’è spaccio, è vero anche che c’è un alto consumo, che sta portando alla rovina persone e famiglie. La soluzione del problema non è semplice, non è banale, ma già se si trovassero le cause di un disagio evidentemente profondo che porta a “rifugiarsi” nella droga, saremmo quantomeno a un punto di partenza. Bisogna fare localmente, con polizia locale e la stazione dei carabinieri, anche dei severi controlli sui contratti di affitto stipulati o meno con i proprietari degli immobili dove queste persone sono state arrestate e dove trovano evidentemente un punto di riferimento per delinquere.

Estirpare il fenomeno non è di certo facile, non basta combattere solo lo spaccio, ma c’è bisogno di una radicale ed importante sensibilizzazione, soprattutto delle nuove generazioni, sia all’interno della famiglia che della scuola; crisi di identità, di valori e di interessi non possono e non devono prendere il sopravvento ed è qui, che anche la politica deve porsi i giusti interrogativi in un più ampio contesto di veduta del problema.




Lascia un commento