Alimentazione, agricoltura e salute: l’istituto agrario “A. Serpieri” organizza un ciclo di videoconferenze aperte a tutti i cittadini



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

AvezzanoNell’ottica di mettere a disposizione del territorio le proprie competenze e risorse, l’Istituto Agrario “A. Serpieri” organizza un ciclo di videoconferenze aperte a tutta la cittadinanza.

Gli incontri avranno un relatore d’eccezione, l’Accademico dei Georgofili dott. Agronomo Silverio Pachioli.

“Si tratteranno argomenti che, a partire da una base scientifica, affronteranno temi collegati alla quotidianità” afferma la dirigente scolastica Cristina Di Sabatino, “in particolare lo stile di vita sano connesso alla qualità in agricoltura, la dieta mediterranea e l’importanza di un alimento semplice come il pomodoro. Ma verranno affrontati anche argomenti più tecnici, come nella videoconferenza dedicata ai metodi di difesa dalle avversità che colpiscono l’olivo.” 

Si tratta di una prima tranche di appuntamenti inserita in un ciclo che vedrà ulteriori date nei mesi primaverili.

“La collettività del Serpieri, che anche mediante la recente stipula di un Patto di comunità con EE.LL, e realtà economiche e associative del territorio, intende mettersi al servizio del contesto di appartenenza, invita i cittadini a partecipare”, aggiunge la dirigente. 

Sono previsti i seguenti appuntamenti:

  • mercoledì 16 dicembre 2020 ore 20,30 “Ti frutta in salute. A tavola con il dottore (agronomo), tutte le proprietà di frutta e ortaggi” 

Link per il collegamento https://meet.google.com/kqi-hrfk-pgd 

  • lunedì 11 gennaio 2021 ore 20,30Vecchie e nuove avversità dell’olivo. Mezzi/metodi di difesa” 

Link per il collegamento https://meet.google.com/kqi-hrfk-pgd 

  • martedì 19 gennaio 2021 ore 20,30 “Dalle Ande agli Appennini, la favolosa storia del pomodoro. Storia, coltivazione, curiosità, dieta mediterranea” 

Link per il collegamento https://meet.google.com/kqi-hrfk-pgd 

La videoconferenza è rivolta ad numero massimo di 100 partecipanti.