Al via la sesta edizione del premio giornalistico “Angelo Maria Palmieri”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Fiaba e la Biblioteca e Associazione Culturale “Angelo Maria Palmieri”, nell’intento di ricordare la figura di Angelo Maria Palmieri, giornalista scomparso a soli 30 anni nel 2011, bandiscono la 6^ edizione del Premio Giornalistico a lui intitolato. Il Premio è ispirato ai valori che hanno contrassegnato la vita di Angelo Maria: l’informazione e l’impegno sociale ed intende valorizzare i migliori articoli o servizi radio-televisivi che abbiano affrontato tematiche importanti per la diffusione dei valori di pari opportunità, di solidarietà, di integrazione sociale, di convivenza civile, di difesa dei diritti fondamentali dell’uomo e per il superamento delle barriere culturali e sociali.

Il Premio è suddiviso in due categorie: Senior, riservata ai giornalisti professionisti, freelance, praticanti e pubblicisti; Junior riservata agli studenti iscritti alle Scuole di Giornalismo o Master riconosciuti dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti o diplomati presso gli stessi da non più di dodici mesi alla data del 31-12-2016. Si può concorrere con articoli in lingua italiana pubblicati su quotidiani, periodici, sul web e con servizi trasmessi per la tv o per la radio nel periodo compreso dal 1 gennaio 2016 ed il 27 gennaio 2017. La scadenza del bando è fissata per il 28 febbraio 2017. La partecipazione è gratuita.

La Giuria selezionerà e premierà i primi tre classificati della categoria Senior e della categoria Junior. La cerimonia di premiazione è prevista per il mese di aprile ad Avezzano.

Ogni informazione potrà essere richiesta a FIABA Onlus: email – ufficiostampa@fiaba.org – Tel. 06/43400800 o alla Biblioteca e Associazione Culturale “Angelo Maria Palmieri”: email – associazioneculturalepalmieri@gmail.com – Tel 347/3610992 . Ulteriori dettagli saranno riportati sul sito: www.fiaba.org.




Lascia un commento