Acquistavano sostanze dopanti con ricette rubate. Eseguiti un arresto e due ordinanze di obbligo di dimora



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescara. I Carabinieri del NAS di Pescara hanno dato esecuzione, nella prima mattinata, ad un’ordinanza di custodia cautelare e due di obbligo dimora e presentazione alla P.G. per concorso in falso di prescrizioni mediche per l’acquisto di sostanze dopanti, utilizzando timbri e ricette rubate.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Pescara, hanno consentito di individuare un quarantacinquenne di Montesilvano che, in concorso con un uomo e una donna del luogo, utilizzavano ricette e timbro trafugati presso lo studio di un medico ginecologo, per acquistare sostanze dopanti presso farmacie di Pescara e Montesilvano.

Il NAS di Pescara, in collaborazione con i militari della Compagnia di Montesilvano, hanno monitorato ogni loro movimento, esaminando anche una serie di immagini di video sorveglianza, utili sia alla loro identificazione che per tracciare i loro traffici. Nel corso delle perquisizioni domiciliari sono stati rinvenuti riscontri utili alle indagini nonchè una sessantina di farmaci anabolizzanti, anche di provenienza extra UE.

L’arrestato è stato collocato al regime degli arresti domiciliari, mentre agli altri due è stata notificata la misura cautelare dell’obbligo di dimora in Montesilvano e presentazione ai Carabinieri del luogo. Negli ultimi giorni i NAS di Pescara hanno impresso un duro colpo al traffico di sostanze dopanti e anabolizzanti: circa 50 mila compresse anabolizzanti e diverse centinaia di bustine per la disfunzione erettile sono state sequestrate la scorsa settimana, nel corso di analoga operazione, a sette giovani pescaresi.




Lascia un commento