Acqua su Marte, la “d’Annunzio” protagonista della scoperta



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Ci sono due ricercatori e docenti dell’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara tra i protagonisti della grande scoperta che è stata annunciata poche ore fa. Infatti tra gli “scopritori” dell’acqua su Marte” ci sono il prof. Enrico Flamini e del prof. Giuseppe Mitri.

Il prof. Mitri fa parte dell’International Research School of Planetary Sciences, della “d’Annunzio”. Anche il Prof. Enrico Flamini, fa parte dell’IRSPS ed inoltre titolare del Corso di Esplorazione del Sistema Solare presso il Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologia Geologiche della Terra e dei Pianeti. Hanno attivamente partecipato alla ricerca e sono tra i firmatari del lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista “Science”. Il prof. Mitro conseguì il Dottorato di Ricerca nel 2005 e si è trasferito negli Stati Uniti dove ha lavorato alla NASA e al California Institute of Technology. E’ rientrato in Italia alla “d’Annunzio” l’anno scorso. Il prof. Flamini è stato, tra l’altro, Chief -Scientist dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Il contributo della “d’Annunzio” in questo successo della ricerca è stato decisivo nella fase della interpretazione geologica e geofisica dei dati acquisiti e nella definizione della struttura della massa d’acqua. La scoperta è stata possibile perché è stato utilizzato un sistema ideato, progettato e realizzato in Italia anche grazie al tenace contributo dei ricercatori dell’IRSPS della “d’Annunzio”. Si tratta dal radar MARSIS, operante sulla sonda Mars Express dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

<L’orgoglio per questa grande scoperta è doppio – spiega il prof. Gian Gabriele Ori, coordinatore dell’IRSPS della “d’Annunzio” – perché da un lato c’è la scoperta in sé che è di grande rilevanza e poi perché si tratta di un risultato storico ottenuto grazie alle capacità, alla intuizione scientifica, alla determinazione e alla genialità di nostri docenti e ricercatori. La “d’Annunzio”, anche grazie a loro è stata davvero protagonista di questa pagina fondamentale della ricerca dedicata alla esplorazione dei pianeti, uno dei grandi sogni dell’umanità >.




Lascia un commento