Accoltella un connazionale per poi derubarlo, arrestato dai carabinieri



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

San Benedetto dei Marsi – I carabinieri della locale stazione hanno arrestato un 56enne di nazionalità marocchina in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso dalla procura della repubblica di Avezzano (AQ). L’uomo, regolare sul territorio italiano, dopo pochi giorni di ricerche, è stato bloccato dai militari nell’abitato del paese della piana del fucino. Il 56enne, in forza della condanna irrevocabile, deve scontare una pena di tre anni e sei mesi di reclusione per il reato di rapina e lesioni aggravate in danno di un connazionale.

I delitti contestati risalgono all’autunno del 2011 e, in base alla ricostruzione degli stessi carabinieri di San Benedetto dei Marsi che intervennero al verificarsi dei fatti, l’uomo aggredì un connazionale colpendolo e ferendolo con due coltellate al corpo, privandolo così di oggetti personali e danaro contante. Puntuali furono le risultanze investigative, supportate dalle perquisizioni, dai sequestri e dalle informazioni testimoniali, che portarono i carabinieri a denunciare il magrebino in stato di libertà alla procura della repubblica di Avezzano. Il processo penale instaurato a suo carico, giunto a completa definizione, ha posto l’autorità giudiziaria nelle condizioni di infliggere la condanna definitiva a tre anni e mezzo di carcere e spiccare l’ordine di carcerazione immediatamente eseguito dai militari coordinati dal comando compagnia carabinieri di Avezzano.

Il condannato è stato trasferito nell’istituto penitenziario di Lanciano