Via dei Marsi, sabato 4 settembre passaggio della Pergamena dal Comune di Lecce nei Marsi al Comune di Villavallelonga



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica – Nell’ambito dell’attuazione del Progetto “La Via dei Marsi – La Spina Verde Marsicana: itinerario ambientale, storico, culturale, religioso e turistico”, il prossimo 4 settembre 2021 (sabato) ci sarà il passaggio della Pergamena dal Comune di Lecce nei Marsi al Comune di Villavallelonga.

Sarà la undicesima Tappa del Trekking di ricognizione del percorso della Pergamena, partito il 2 maggio 2021 dal Comune di Avezzano (Riserva Naturale Regionale guidata “Monte Salviano”). Il percorso della Pergamena raggiungerà i Comuni di Pescasseroli ed Opi (Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise – date da concordare), per la sottoscrizione congiunta della Pergamena di arrivo, contenente il messaggio ambientale della Via dei Marsi, legato nell’occasione all’importante evento della ricorrenza dei 99 anni della fondazione del PNA.

Un messaggio viaggia per la Marsica, un messaggio che sollecita una riflessione e invita a sollevarsi spiritualmente dalla contingenza per cogliere l’armonia complessiva della natura avendo coscienza di essere parte di essa, e che intaccarne negativamente il suo equilibrio significa nuocere irreversibilmente a se stessi. Il messaggio è tracciato su una Pergamena, un supporto nobile per documenti che suggellano eventi importanti, degni di essere conservati a futura memoria.

La pergamena è il testimone di una staffetta che stringe e unisce in un abbraccio 14 comuni marsicani: Avezzano, Luco dei Marsi, Trasacco, Collelongo, Ortucchio, San Benedetto dei Marsi, Pescina, Ortona dei Marsi, Bisegna, Gioia dei Marsi, Lecce nei Marsi, Villavallelonga, Pescasseroli ed Opi. Si tratta dei soggetti pubblici che al momento riconoscono la validità del progetto de «La Via dei Marsi», vi aderiscono e si impegnano alla sua realizzazione, consapevoli del significato dell’appartenenza alla terra dei Marsi e alle sue vicissitudini e dell’importanza di costruire migliori condizioni foriere di un’identità che, anche nell’epoca della globalizzazione, salvaguardi le specificità locali, la loro storia e le loro tradizioni.

Il venir meno delle particolarità locali significherebbe il venir meno del dialogo tra soggetti diversi e la resa ad un modello culturale unico che impoverirebbe complessivamente la ricchezza di diversità che la civiltà ha prodotto. La proposta è quella di una rete, un tessuto di municipalità ed istituzioni che diano vita ad un “hub”, un centro, uno snodo, un fulcro in cui ciascuna sia punto di intersezione e di informazione del territorio (vedasi portale La Via dei Marsi).

I ritmi e i tempi con cui la Pergamena/messaggio si sposta sono dolci, quelli del Trekking, quelli della mobilità lenta, verso un percorso sostenibile (certificato ISO 20121), in cui muovendosi lungo antichi sentieri e borghi della parte alta della Marsica, spesso trascurati in stato di declino, prendono vita punti di vista esperienziali inediti del territorio.

Le varie tappe del Trekking hanno anche un carattere esplorativo e ricognitivo, oltre alla registrazione protocollare dell’esistente rileveranno puntualmente eventuali criticità che verranno segnalate ai comuni interessati. Il progetto, nel suo obiettivo principale, intende promuovere la conoscenza e le visite di questi Centri e Borghi, prossimi al Parco e presentarli come “porte d’accesso”, opportunamente attrezzate e funzionali alla fruizione dello spazio e delle risorse che esso offre, in senso ecosostenibile.

La speranza è quella che il viaggio della Pergamena possa contribuire al riconoscimento ufficiale de «La Via dei Marsi» da parte della Regione Abruzzo entro il 2022, centenario della fondazione del Parco Nazionale d’Abruzzo, ora Lazio e Molise.

Comunicato stampa E.R.C.I. team Onlus