Valle Roveto, comuni e provincia a consulto per salvare la SR82. Il presidente Caruso stima per quest’estate la riapertura



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Civitella Roveto – Si sono riuniti ieri, a Civitella Roveto, ospiti del sindaco Pierluigi Oddi, i primi cittadini dei comuni della Valle Roveto col presidente della Provincia, Angelo Caruso, e il delegato alla viabilità provinciale, il consigliere, Gianluca Alfonsi.

Un unico argomento all’ordine del giorno: La riapertura della Sr82. Al termine della riunione, finita poco dopo le 19, la redazione di Terre Marsicane ha contattato alcuni dei partecipanti all’incontro, fra questi, il sindaco di Civita d’Antino, Sara Cicchinelli.

Sindaco Cicchinelli, buone nuove da questo primo incontro?

«Credo di si, al di la dei fondi già stanziati per le annualità 2021 e 2022, come sindaci abbiamo chiesto che la priorità sia la riapertura della Sr82, perché evidentemente è un problema che riguarda tutti i comuni della Valle Roveto. Naturalmente ciascun sindaco ha posto all’attenzione del presidente Caruso anche tematiche più specifiche, inerenti il proprio territorio. Quello del mio comune, per esempio, attraversato da ulteriori strade che collegano le varie frazioni, soggette anch’esse a frane e smottamenti.»

Quali saranno i prossimi passi?

«A breve ci rivedremo in provincia con i tecnici. Occorre agire anche sulla Regione che ha la competenza per quanto concerne il dissesto idrogeologico che è la causa principale delle problematiche legate alla viabilità in Valle Roveto

La Cicchinelli ritiene poco utile continuare a fare interventi d’urgenza che vanno a tamponare le criticità del momento se poi non si interviene in maniera organica per fronteggiare complessivamente il dissesto idrogeologico. Dalle parole del Sindaco di Civita d’Antino emerge una compattezza e un fronte unico delle amministrazioni della Valle, determinate a perseguire una soluzione definitiva.

La presenza di tutti i sindaci dei comuni e dei loro delegati, portatori delle istanze del territorio, testimonia quanto sia profonda l’esigenza di portare a termine la fase programmatoria e di progetto per dare concretezza operativa ai cantieri.

Su questo, il presidente della Provincia, Angelo Caruso, si è mostrato fiducioso. «Oggi abbiamo illustrato, gli investimenti già deliberati e ciò che faremo sul piano della manutenzione. Ho trovato un bel clima di collaborazione. La prossima settimana faremo un altro incontro nella sede della Provincia, dal taglio più tecnico, per definire le priorità degli interventi.»

Per le coperture finanziarie coinvolgerete anche la Regione?

«Al di là della Regione, le coperture le abbiamo individuate nelle residualità, abbastanza importanti, che sono state accantonate.»

Può dare una scadenza, una data di riapertura della Sr82?

«Questo inverno, lo utilizzeremo per tutte le attività tecniche ed amministrative, sperando di poter dar corso ai lavori nella primavera prossima, e davvero, arrivare all’estate per l’apertura. Ciò in una previsione ragionevole e compatibile con quelle che sono attività amministrative abbastanza complesse, ma comunque possibili.»

Anche il sindaco di Canistro, Giammaria Vitale, neo eletto e alla prima esperienza amministrativa, ha parlato di clima molto propositivo da parte dei rappresentanti della provincia ma soprattutto si è detto soddisfatto dell’unità di vedute da parte di tutti i sindaci. «La mia impressione, come neofita di questi tavoli, è stata molto positiva, spero di non sbagliarmi.»