fbpx
domenica, 28 , Febbraio

“L’Eccellenza deve ripartire”, il gruppo social fa rumore nelle stanze dei vertici calcistici

Rimbalzo di responsabilità tra gli alti vertici del calcio, che ancora, dopo 4 mesi, si interrogano sulla ripresa dell'Eccellenza, non arrivando mai ad una...

Prima pagina

Vaccino Covid-19 e donazione del sangue, come comportarsi

Hanno preso il via da circa un mese le vaccinazioni anti Covid-19, riservate al momento attuale a operatori sanitari, ultra 80enni e categorie fragili e a rischio.
Per tutti coloro che sono donatori di sangue, si è posto il problema circa i comportamenti da seguire per riuscire a conciliare in maniera corretta la donazione con la somministrazione del vaccino.
A questo proposito il Centro nazionale sangue, seguendo le linee guida dell’ECDC (Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie) ha emanato una circolare per fornire “specifiche raccomandazioni sull’eleggibilità alla donazione di sangue ed emocomponenti dei soggetti con anamnesi positiva per somministrazione di vaccino anti-SARS-CoV-2”.
Come riportato nel documento, gli asintomatici a cui è stato somministrato un vaccino a base di mRNA, come quelli sviluppati da Pfizer-BioNTech e Moderna, devono aspettare 48 ore prima di donare.

In via precauzionale, anche chi ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino potrà effettuare la donazione, dopo un’attesa di almeno 7 giorni dalla completa scomparsa dei sintomi.
Invece nei casi in cui al donatore sia stato somministrato un vaccino anti-Covid di cui manchino o non si riescano a reperire sufficienti informazioni, i soggetti possono donare sangue ed emocomponenti dopo almeno 4 settimane da ciascun episodio vaccinale.
Lo stesso arco di tempo dovrà essere trascorso da ciascun episodio vaccinale per coloro che si sono sottoposti a somministrazioni con virus attenuati, come ad esempio quei vaccini che utilizzano la tecnologia del vettore virale o virus vivi attenuati.
Infine, i donatori lungamente positivi al test per la ricerca del genoma virale su tampone naso-faringeo possono essere tornare a donare solo a condizione che il test dia esito negativo.
Nel caso in cui le regioni non abbiamo indicato appositi percorsi per garantire la negatività del test in parola, spetterà al servizio trasfusionale prescriverne l’effettuazione ai fini della riammissione del donatore.

 

Latest Posts

Ultim'ora