Uomo avezzanese fermato in Marocco mentre cercava di rientrare in Italia, possibile rilascio su “cauzione”, la preoccupazione dei familiari



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – In data 22 maggio 2020 un nostro connazionale è stato fermato in aeroporto in Marocco a Casablanca mentre era in procinto di rientrare in Italia a causa del Coronavirus. Il connazionale, C.A.D.C. originario di Avezzano vive stabilmente in Marocco con la moglie ed è attualmente trattenuto in stato di fermo dalle autorità Marocchine per un presunto problema legato al precedente rapporto di lavoro che l’uomo ha svolto in Qatar negli anni scorsi. A comunicarlo attraverso una nota stampa è l’avvocato Aldo Lucarelli, il legale che sta seguendo da vicino questa delicata vicenda

Dalle poche, prime informazioni giunte dal Marocco,  – si legge nella nota – pare che il l’uomo possa essere trasferito in Qatar, Emirati Arabi, per le verifiche sul caso e, in tal caso, il suo stato di fermo sarebbe desinato a prolungarsi notevolmente per i noti disagi provocati dal Coronavirus e dalla relativa impossibilità a muovere verso il Qatar in tempi brevi. La famiglia in Italia, coordinata dal fratello, è evidentemente molto preoccupata per i rischi di contagio da Covid19 e inoltre, fatto assolutamente non secondario, soprattutto per lo stato di salute fisica e psicologica del familiare in fermo che risulta anche trovarsi, da qualche tempo, in una situazione di gravi  vicissitudini di diversa origine.

È stata immediatamente attivata la via diplomatica con le autorità del Marocco al fine di approfondire la conoscenza dei fatti e di verificare la possibilità di un rilascio su “cauzione”. Per questa finalità, sarà attivato al più presto un conto di solidarietà per la gestione dell’emergenza, e per permettere un auspicabile rientro di Carlo in Italia.