Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
La congiura del governatore di Avezzano in un contesto sociale corrotto e instabile (1680-1688)
Nel regno di Napoli e nella Marsica, come andiamo affermando, gli accordi tra viceré spagnoli e poteri feudali per il controllo delle risorse del territorio appaiono, per gran parte del Seicento, come...
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Porta dei Marsi a Tagliacozzo: ecco com'era nel 1900
Tagliacozzo – La Porta dei Marsi di Tagliacozzo è uno dei luoghi iconici del paese marsicano. Si tratta di uno dei cinque ingressi medievali che consentivano l’accesso al borgo. Nell’immagine...
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Prima dell’orso e del camoscio: predatori e prede di 10 milioni di anni fa
Opi – Il 3 aprile del 1993 si tenne, a Pescasseroli, capitale del Parco, una conferenza dal tema: “La scoperta del primo giacimento di vertebrati fossili nel Parco”. Per la verità la scoperta fu...
Oltraggio del Gran Contestabile Sciarra Colonna al papa (lo schiaffo di Anagni)
Escrescenze del lago di Fucino, l’architetto Fontana e il Gran Contestabile Sciarra Colonna (1680-1683)
Per ragioni di spazio, pur omettendo numerosi altri episodi che determinarono la vita socio-economico-politica del territorio in questione, occorre accennare a fatti importanti con gradi diversi e sotto...
Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina
La fine della "Università degli Artigiani": dal Centro di formazione professionale "San Berardo" di Pescina all'oblio totale
Pescina – Era il periodo post bellico, correvano gli anni ’50, e fu allora che la Pontificia Opera Assistenza del Vaticano, la concattedrale dei Marsi, Santa Maria delle Grazie, con l’allora...
Un disegno di Raffaele Fabretti (1683)
Spese e introiti delle stanghe colonnesi poste sul lago di Fucino
Ricostruendo la storia del feudo dei Colonna, è bene focalizzare la nostra attenzione su un altro corposo volume esistente nell’Archivio di Stato di L’Aquila, intitolato: «Lago di Fucine. Scritture dall’anno...
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
La piazza e i giardini visti dal Castello Orsini di Avezzano prima del terremoto 1915
Avezzano – In passato, dalle nostre pagine, abbiamo mostrato, attraverso un’affascinante e interessante cartolina d’epoca, l’aspetto che aveva piazza Castello, ad Avezzano, prima...
Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo
"Trascurata dal punto di vista archeologico l'area del Parco nazionale d'Abruzzo"
Opi – Che l’Abruzzo sia una regione abitata fin dalla Preistoria lo dimostrano i ritrovamenti di selci paleolitici oltre agli avanzi neolitici, che sono vari e copiosi, e le tracce umane che lasciano...
Cerca
Close this search box.

Una fiaba della scrittrice dei Marsi Maria Assunta Oddi per il compleanno di Sabina Santilli

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Palmira Paris
Palmira Paris
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Fernando Damiani
Fernando Damiani
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ubalda Lanciotti
Ubalda Lanciotti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ezio Galassi
Ezio Galassi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elena Coco
Elena Coco
Vedi necrologio

Il 29 maggio 1917 nasceva a San Benedetto dei Marsi Sabina Santilli che pur essendo sordocieca dall’età di sette anni ha lottato per donare all’infanzia con problemi psicosensoriali un futuro migliore. Da pedagogista sensibile e innovativa nelle metodologie comunicative compensative aveva compreso la necessità di riflettere sui cambiamenti richiesti dal sistema globale per migliorare le condizioni dei minori più vulnerabili. Come fondatrice della “Lega del Filo d’oro” concentrandosi su sostenibilità, inclusione ed equità ha promosso l’accettazione e la valorizzazione della diversità per migliorare la qualità della vita. Il grande merito di Sabina è quello di aver visto nei diversamente abili soggetti di diritto e non solo oggetto di assistenza e protezione, con il fine di garantire l’accesso dei bambini con difficoltà a sevizi quali l’istruzione, l’assistenza sanitaria e la protezione legale.

Anche una fiaba, in un’epoca segnata dalle disuguaglianze, può tutelare l’infanzia promuovendo l’accettazione e la valorizzazione di ogni persona con la narrazione.

In questo racconto la scrittrice dei Marsi Maria Assunta Oddi mostra come la bellezza si incarni nel divieto di discriminazione perché ognuno è portatore di speranza nella ricerca della felicità.

  Bufo il rospo strano.

C’era una volta un re, anzi un rospo dall’aspetto assai sgradevole.  Una corporatura particolarmente tozza e una pelle verrucosa piena di insolite macchie rossastre lo allontanavano anche dai suoi fratelli che disdegnavano giocare con lui nello stagno. Dietro gli occhi due rigonfiamenti contenevano visibilmente un veleno, sicché nessuno osava avvicinarsi temendo per la propria incolumità. Mentre gli altri animali della sua specie uscivano dai loro nascondigli al crepuscolo, Bufo per non essere maltrattato, preferiva uscire di giorno allontanandosi dall’acquitrino per recarsi nei prati dei papaveri dove la il colore della sua pelle si confondeva con quella dei rosolacci. Camminando lentamente tra l’erba incontrò un giorno di primavera una pastorella che rivolgendogli la parola lo chiamò per nome: “Bufo, conosco bene il tuo dolore per essere considerato diverso, ma posso aiutarti svelandoti un segreto”. Il rospo stupito da tale incontro e non comprendendo il significato del messaggio ricevuto chiese: “Come puoi conoscere il mio nome? Cosa sai della mia solitudine?” la fanciulla rispose: “Recandomi spesso nella cucina del castello portando latte e formaggio, un giorno ascoltai una vecchia strega che raccontava alla vivandiera di aver fatto un sortilegio a un paggetto, che per distrazione gli aveva calpestato un piede, trasformandolo in un rospo per punirlo dell’affronto”.

A quelle parole Bufo, che era sempre stato timido e introverso, aprì il cuore raccontando la sua storia”.

“Ora comprendo il motivo della mia infelicità. Vivevo come fossi un anfibo tra terra e acqua a causa di una strega terribile che ha cagionato, trasformandomi in un altro essere, la perdita della memoria. Quanta paura nel vedere il serpente avvicinarsi alla riva dello stagno, quanto freddo nelle giornate gelate d’inverno e che calura sotto il sole d’agosto! Ma anche in quella mia nuova vita c’era qualcosa di speciale quando nel silenzio assoluto della luna osservando il cielo sentivo che anch’io, pur misero com’ero, avevo un senso. se nessuno degli abitanti dell’acquitrino si avvicinava a me, nei prati, dove libero di saltare, i papaveri mi accarezzavano festosi vestendomi con le corolle profumate di rugiada. Talvolta mi spingevo oltre i campi ed oltre i prati per raggiungere i boschi dove crescevano alcune felci così alte che sotto le foglie più grandi ci si poteva star diritto sulle zampe. Anche se nessuno giocava con me in compenso mi divertivo a gonfiarmi tutto come una nave che spiega le vele e vola verso l’isola più bella della terra. Odiato e beffato da tutti avevo imparato presto a fare della mia solitudine un modo per sognare”.

La ragazza, che fino a quel momento aveva ascoltato in silenzio, iniziò a parlare: “Le tue vicende mi hanno commosso ma anche meravigliato. Come hai potuto, nello squallore della solitudine, conservare un cuore fanciullo. Come i tuoi occhi così spregevoli, per il veleno che li circondava, hanno visto la bellezza?”

Bufo, che per la prima volta si sentì compreso e accettato per la sua condizione, riprese con un tono di voce assai cortese: “Grazie mille per la gentilezza delle tue parole che cercano oltre l’aspetto fisico l’anima mia.

Siamo tutti diversi ognuno a suo modo ed io ho imparato a sopravvivere ripetendomi sempre che ognuno di noi nasce, in ogni luogo e in ogni tempo, insieme ad una stella”.

Aveva appena finito di pronunciare l’ultima parola che una stella cadde e tracciò una lunga scia di luce nel fondo del cielo che si era fatto buio”.

In quel momento la pastorella si trasformò in una fata bellissima che toccando Bufo con la bacchetta magica lo riportò ad essere il bambino grazioso di una volta con le gote rosse e la boccuccia sorridente.

“Andiamo” disse la fata rivolgendosi al ranocchio finalmente tornato fanciullo “E’ giunta l’ora di tornare a casa dove ti aspettano ansiosi i tuoi genitori da tempo in pena per la tua improvvisa scomparsa”

Qualcuno che passava di lì per caso disse di aver visto una bellissima donna che teneva per mano un bambino sotto un arcobaleno tra cielo e terra.

LEGGI ANCHE

WhatsApp-Image-2024-06-10-at-12.16
Un orso bruno marsicano trovato morto tra Scanno e Rocca Pia: non si esclude l'avvelenamento
IMG-20240610-WA0009
Castello baronale dei Colonna occupato da soldati spagnoli
Una cascata di fiori riempie i cuori di gioia: giornata di raccolta fondi a Pescina
"Abitare in città. La domus di San Benedetto dei Marsi", il 15 Giugno visite gratuite per le Giornate Europee dell’Archeologia
Luco dei Marsi ha festeggiato i suoi quarantenni, sindaca De Rosa: "La nostra sala consiliare si è riempita di bellezza, sorrisi, allegria"
Chiuso il sentiero n. 6 di Monte Velino, CAI Avezzano: "Le forti piogge lo rendono esposto al pericolo frane"
100 anni fa veniva ucciso Giacomo Matteotti, un ricordo dell'eroe dell'antifascismo
Numero esiguo di alunni, chiude la scuola di Villetta Barrea: il "mondo a parte" con un finale amaro
franco
Lo spettacolo teatrale "L'italiano in scena - Ritorno ad Itaca"
alessandro piccinini
Kids having fun together in park
Orso trovato morto, AIDAA presenta un esposto: "In caso di avvelenamento, si cerchi nel mondo dei tartufai"
IMG-20240609-WA0037
Il coro parrocchiale di San Giuseppe di Pescina partecipa al IV incontro internazionale delle Corali in Vaticano
6416630_03085642_carabinieri
Lavori di messa in sicurezza del sottopasso di via Aquila ad Avezzano
SISEF (Società Italiana Selvicoltura ed Ecologia Forestale terremarsicane
WhatsApp Image 2024-06-08 at 21.55
bagnino fisa
IMG_2588
Un orso bruno marsicano trovato morto tra Scanno e Rocca Pia: non si esclude l'avvelenamento

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Antonio Marziani
Antonio Marziani
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Palmira Paris
Palmira Paris
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Fernando Damiani
Fernando Damiani
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ubalda Lanciotti
Ubalda Lanciotti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Ezio Galassi
Ezio Galassi
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Elena Coco
Elena Coco
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.