LFoundry, siglato nel pomeriggio di ieri l’accordo proposto dal sindacato che ora passa al vaglio delle maestranze

LFoundry, siglato nel pomeriggio di ieri l’accordo proposto dal sindacato che ora passa al vaglio delle maestranze

Avezzano – Due giorni serrati di incontri, segnano l’epilogo di una lunga e articolata trattativa durata mesi, ma alla fine, nei commenti a caldo rilasciati davanti ai microfoni di TerreMarsicane, dai rappresentanti delle segreterie provinciali, Antonello Tangredi (Fim), Simona De Sanctis (Fiom) e Michele Paliani (UILM), si coglie la cauta soddisfazione di chi sa che alcuni aspetti devono essere ancora sviscerati, lo Smart Working su tutti.

Il nodo principale riguardava la turnazione, articolata in 1 giorno + 1 notte + 3 riposi compensativi + 15 rientri, che il sindacato ha chiesto fosse estesa a tutto il personale che attraverso i turni si avvicenda nella produzione, nel settore ingegneria e nelle funzioni tecniche di supporto. Nel video le considerazioni dei referenti provinciali delle tre sigle sindacali.

Causa tormenta auto finisce fuori strada, occupanti soccorsi dalla polizia stradale

Causa tormenta auto finisce fuori strada, occupanti soccorsi dalla polizia stradale

Il soccorso agli automobilisti in difficoltà è una delle attività istituzionali della Polizia Stradale e le pattuglie dei Distaccamenti di Castel di Sangro e Sulmona sono abituate a prestare aiuto a utenti della strada che affrontano situazioni difficili, specie a causa delle condizioni metereologiche avverse.

Questa mattina, verso le 8.00 e poco prima della chiusura della SS17 disposta a causa di una tormenta di neve che rendeva molto difficile il transito e le operazioni di pulizia del manto stradale, gli agenti di Castel di Sangro e Sulmona hanno soccorso due occupanti di una vettura che, a causa del forte vento e della bufera, sono usciti fuori strada.

Il Compartimento Polizia Stradale di L’Aquila raccomanda di verificare lo stato dei pneumatici, prima di mettersi in viaggio e, in caso di condizioni climatiche avverse, di fermarsi se possibile o di procedere a velocità commisurata alle condizioni della strada.

Messaggio del Presidente Cannata del Parco Nazionale d’Abruzzo per la Giornata Mondiale dell’Acqua (Video)

Messaggio del Presidente Cannata del Parco Nazionale d’Abruzzo per la Giornata Mondiale dell’Acqua (Video)

Pescasseroli – In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, che si è celebrata ieri 22 Marzo, il Prof. Giovanni Cannata, Presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, lancia un messaggio per la tutela di questa importante risorsa.

Il Prof. Cannata invita a riflettere sula valore economico, sociale ed ambientale dell’acqua e su quanto essa sia un bene fondamentale per la vita dell’uomo.

In un video, pubblicato dall’Ente Parco sulla pagina social, il Prof. Cannata dichiara: ”Oggi Giornata Mondiale dell’Acqua, vogliamo ricordare a tutti il valore economico, sociale ma soprattutto ambientale dell’acqua, il diritto all’accesso all’acqua. Vogliamo ricordare che senza l’utilizzazione di quei grandi serbatoi di biodiversità che sono le aree montane e i parchi nelle aree montane, molte delle attività dell’uomo non sarebbero realizzabili, vogliamo ricordare il valore importante dell’acqua che tutti ne abbiano consapevolezza e che se ne faccia un utilizzazione la più razionale possibile compatibile con le esigenze di salvaguardia della biodiversità”.

La Giornata Mondiale dell’Acqua venne istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 ed è prevista all’interno delle direttive dell’agenda 21 quale risultato della Conferenza di Rio. Le Nazioni Unite invitano, in questo giorno, gli Stati membri a dare esecuzione alle raccomandazioni raggiunte con l’Assemblea generale ed alla promozione di attività concrete all’interno di ciascun Paese. (R.F.)

Metti un po’ di vrace, la parodia abruzzese del brano di Sanremo Musica leggerissima

Metti un po' di vrace, la parodia abruzzese del brano di Sanremo Musica leggerissima

Abruzzo – Va detto, prima di tutto, che “Musica leggerissima“, brano sanremese di Colapesce e Dimartino, è diventato, nell’arco di pochissimo, un vero e proprio tormentone, sui social e non solo. Sulle note di questa canzone, che la rivista “Rolling Stone” definisce come una sorta di “antidepressivo di massa“, continuano a essere preparati meme, video, remake, balletti, battute e molto altro.

Poteva forse mancare una parodia in stile puramente abruzzese? Assolutamente no. “Musica leggerissima”, quindi, si è tramutata in una più rustica e consistente “Metti un po’ di vrace”. La coppia di artisti che ha pensato al divertente rifacimento risponde al nome (che è tutto un programma) E’ una vitaccia composto da Lucio Rasetti e Fausto Verdecchia.

Ovviamente la parodia abruzzese non poteva non fare riferimento alle immancabili “rustelle”, al vino, al pane e olio, alle salsicce: insomma tutto il repertorio dei cibi tradizionali della nostra terra. I due di E’ una vitaccia hanno realizzato anche un video:

 

Sabato 27 marzo torna Earth Hour

Sabato 27 marzo torna Earth Hour

Il WWF invita Amministrazioni, imprese e cittadini ad aderire anche in Abruzzo a spegnere le luci per un’ora e a riflettere sull’importanza delle nostre scelte per la salvaguardia della natura e la lotta alla crisi climatica.
Sabato 27 marzo, alle ore 20.30 locali, in tutto il mondo scatterà l’Ora della Terra, l’annuale appuntamento proposto dal WWF che mobilita tutti, istituzioni, comunità e cittadini, invitandoli a fare un semplice quanto importante gesto: spegnere le luci per un’ora con l’obiettivo di dimostrare un impegno concreto per la salvaguardia del nostro pianeta.

Posto che la nostra salute dipende da quella del pianeta, cosa di cui ci siamo resi conto soprattutto in questo anno di pandemia, sappiamo che un pianeta in salute garantisce le future generazioni e le altre specie e contribuisce a combattere il cambiamento climatico.
La biodiversità globale è vittima di un allarmante declino a una velocità senza precedenti: secondo l’ultimo Living Planet Report del WWF, il 75% della superficie terrestre non coperta da ghiaccio è già stata significativamente alterata e la maggior parte degli oceani è sovrasfruttata.
La distruzione e il degrado di foreste, zone umide, praterie, barriere coralline e altri ecosistemi hanno prodotto, dal 1970 a oggi, un calo medio del 68% delle popolazioni di vertebrati in tutto il mondo. La conservazione e il ripristino dei sistemi naturali sono essenziali anche per contrastare il disastro climatico, così come è necessario accelerare le azioni di decarbonizzazione.

L’Ora della Terra è un’occasione per richiamare l’attenzione sul cambiamento climatico e promuovere comportamenti e buone pratiche per il clima, unendo la nostra voce a quella di milioni di persone in tutti i Paesi del mondo.
Il WWF Abruzzo invita a partecipare alla mobilitazione anche le Istituzioni e i singoli cittadini della nostra regione: tutti possono far sentire la propria voce con un gesto simbolico come spegnere le luci di monumenti, strade, edifici o singole abitazioni per un’ora o promuovere un’azione che contribuisca al miglioramento del nostro ambiente.
Si può aderire molto semplicemente scrivendo a abruzzo@wwf.it, indicando l’azione che si metterà in atto.
“Ai responsabili dei governi chiediamo scelte incisive contro il riscaldamento globale”, dichiara Filomena Ricci, delegato WWF Abruzzo, che prosegue: “Ma anche a livello locale si potrebbe fare molto. Cosa stanno facendo la Regione, le province, i comuni e tutti gli altri enti abruzzesi per combattere realmente i cambiamenti climatici? A quali progetti impattanti stanno rinunciando? Cosa si sta progettando concretamente per rinunciare alle fonti fossili? Quali iniziative di rinaturazione o recupero ambientale stanno portando avanti? Che cosa si sta facendo per liberare le città dalle auto e consentire ai cittadini di recarsi al lavoro o a scuola in bici o a piedi? Come si stanno potenziando i trasporti pubblici? Sono stati avviati piani di adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici ormai in atto? Alcuni segnali positivi ci sono, ma l’impressione è che non si sia compresa la gravità della situazione. Con l’Ora della Terra possiamo manifestare la nostra volontà di cambiamento unendo la nostra voce a quella di centinaia di milioni di abitanti del Pianeta”.
Nel 2020, nonostante le difficoltà derivanti dalle restrizioni adottate a causa della diffusione della pandemia da Covid-19, sono stati ben 190 i Paesi coinvolti, 2,2 milioni i monumenti, edifici istituzionali e privati che hanno spento le luci, oltre 4,7 miliardi i messaggi diffusi sui social network e sul web e anche quest’anno saranno innumerevoli le partecipazioni all’iniziativa ovunque nel mondo.
In Italia, oltre alle adesioni di enti e cittadini, la mobilitazione si sposterà sul web: da lunedì 22 marzo sui canali di WWF Italia e WWF YOUng ogni giorno verranno raccontate le scelte di comportamento più responsabili per la tutela del Pianeta e tutti saranno invitati a mettere in mostra il proprio contributo.
In più, il WWF racconterà le storie di persone nel mondo che hanno scelto di compiere piccoli grandi gesti per la tutela della natura, i nuovi eroi moderni.
Accanto al WWF Italia quest’anno ci sarà anche RDS 100% Grandi Successi che, come radio partner dell’evento Ora della Terra 2021, promuoverà l’iniziativa su suoi canali dal 22 al 27 marzo.
Gli hashtag per gli eventi social sono: #EarthHour2021 #connect2hearth #speakupfornature #oradellaterra

 

Il campione marsicano del rugby Giovanbattista Venditti, ex giocatore della Nazionale Italiana in visita al comando regionale d’Abruzzo

Giovanbattista Venditti

Giovanbattista Venditti, abruzzese, di origine avezzanese, ex giocatore della Nazionale Italiana di rugby, del New Castle e delle Zebre, nel Campionato Celtic League (Pro 12), è stato ricevuto dal Comandante Regionale Abruzzo della Guardia di Finanza, Generale di Divisione Gianluigi D’Alfonso, presso la Caserma “T. Giorgi” di L’Aquila.

L’incontro è stato finalizzato a promuovere per il futuro iniziative volte ad avvicinare al Rugby i giovani figli e familiari dei finanzieri d’Abruzzo attraverso giornate dedicate al rugby, tenuto conto dei valori positivi che questa disciplina sportiva può veicolare soprattutto tra i più giovani. Lealtà, rispetto delle regole, spirito di squadra, disciplina, sono infatti valori caratteristici del mondo della palla ovale ma anche della mission istituzionale della Guardia di Finanza.

Non appena l’emergenza Covid lo consentirà, verranno infatti organizzate, anche presso strutture sportive del Comando Regionale, appositi “rugby days”, finalizzati alla conoscenza di questo sport, molto popolare nella provincia aquilana, per farne comprendere le regole ai più giovani ed insegnare loro che la pratica di una disciplina sportiva, come quella della pallovale, se perseguita con tenacia e secondo una sana competizione, consente di raggiungere grandi soddisfazioni. 

Ulteriori iniziative future potrebbero riguardare anche le scuole – non appena si ritornerà ad una frequentazione “in presenza” – laddove la Guardia di Finanza è già attiva con incontri nell’ambito del progetto “Educare alla legalità” a cui si potrebbero abbinare incontri  congiunti su “sport e legalità” parlando dell’importanza  del rispetto delle regole, della disciplina e del rigore morale preordinati al raggiungimento efficace di obiettivi per il bene comune, ma anche della lealtà e dello spirito di abnegazione finalizzati al gioco di squadra. 

Il Generale D’Alfonso ha manifestato a Giovanbattista Venditti la più sincera ammirazione per la brillante carriera sportiva che lo ha contraddistinto, grazie alla quale il giocatore ha dato lustro al suo territorio d’origine, riuscendo, con determinazione e tenacia, a coniugare la passione per questo sport con il desiderio di crescita professionale senza trascurare la formazione universitaria. 

Marsilio proroga la chiusura delle scuole: “purtroppo non ci sono le condizioni per la riapertura”

Marsilio proroga la chiusura delle scuole: "purtroppo non ci sono le condizioni per la riapertura"
L’Abruzzo resta arancione. Con un Rt medio a 1,05 (livello minimo 0,99) e il rischio che da “alto” passa a “moderato”, oggi la Regione avrebbe uno scenario compatibile con la zona gialla, mentre gran parte dell’Italia passa in rosso. Se i dati odierni perdurassero anche la prossima settimana, la Regione passerebbe in giallo, se non fosse che, per effetto del nuovo decreto-legge approvato oggi, tutte le Regioni gialle passano automaticamente in arancione fino a Pasqua.
Le misure restrittive adottate nell’area metropolitana e nei comuni maggiormente colpiti dal virus stanno dando risultati apprezzabili, anche se insufficienti a decretarne la cessazione e ad alleggerire la pressione ospedaliera, che rimane ai livelli più alti mai toccati prima. L’incidenza media settimanale si abbassa in tre province su quattro, tranne L’Aquila, e supera i 250/100.000 solo a Pescara (327). L’analisi dell’incidenza è stata comunque fatta ed elaborata non su base provinciale, ma sui territori dei singoli comuni e delle aree vaste. Risulta quindi ancora superiore ai 250 casi settimanali ogni 100.000 abitanti nell’area metropolitana Chieti-Pescara e in alcune realtà puntuali.
All’esito del costante monitoraggio in corso, l’elenco dei comuni sottoposti a misure più restrittive viene così modificato:
Provincia di Teramo: Silvi, Pineto e Roseto e si aggiunge Tortoreto.
Provincia di Chieti: Chieti, Torrevecchia Teatina, Ripa Teatina, Miglianico, Bucchianico, San Giovanni Teatino, Lanciano, Ortona, Francavilla al Mare, più Montazzoli oggetto di specifica precedente Ordinanza.
Provincia di Pescara: escono dalle restrizioni i comuni di Castiglione a Casauria, Torre de’ Passeri, Turrivalignani, Scafa, Caramanico Terme e San Valentino in Abruzzo Citeriore. Oltre ai restanti Pescara, Spoltore, Montesilvano, Città Sant’Angelo, Pianella, Lettomanoppello, Manoppello, Cepagatti, entrano nella fascia di maggiori restrizioni Collecorvino, Catignano, Rosciano, Moscufo, Cappelle sul Tavo.
Provincia di L’Aquila: Confermati Ateleta, Capitignano, Ovindoli, Castelvecchio Subequo, Cagnano Amiterno, Pizzoli. Esce Roccaraso. Si aggiungono Sante Marie e Rivisondoli.
Le misure maggiormente restrittive che si continueranno ad adottare sono le stesse attualmente in vigore, che per effetto dell’Ordinanza vengono prorogate fino a domenica 21 compresa.
Per le scuole, la valutazione della situazione epidemiologica e il confronto con il mondo della scuola e i sindacati, suggerisce di rinviare a dopo Pasqua la riapertura in presenza. La Didattica a Distanza proseguirà per le scuole dei cicli delle primarie e secondarie in tutta la Regione.

Il Tenore marsicano Lorenzo Martelli scelto per l’opera ‘Elisir d’amore’ di Donizetti al Teatro Carlo Felice di Genova

Intervista al Tenore marsicano Lorenzo Martelli

Tagliacozzo – Intervista al Tenore marsicano Lorenzo Martelli – l’artista è stato scelto per l’opera ‘Elisir d’amore’ di Donizetti al Teatro Carlo Felice di Genova

Attraverso un video divenuto virale sui social, il giovane tenore Lorenzo Martelli ha voluto annunciare alla sua famiglia, ai suoi amici e a tutti i suoi fans l’ennesimo grande traguardo raggiunto: sarà lui uno dei 3 tenori che interpreterà l’opera ‘Elisir d’amore’ di Donizetti, al Teatro Carlo Felice di Genova.
Inizia come un semplice ‘mettersi in gioco’ il viaggio di Lorenzo, che lo ha portato poi a conquistare la giuria dei docenti e il direttore artistico dell’Accademia di alto perfezionamento del Teatro Carlo Felice di Genova, Francesco Meli.
Tanti i sacrifici che contraddistinguono la carriera del giovane marsicano, che può vantare già esperienze internazionali, come quella in Canada. Non da meno la sua performance dinanzi al Presidente della Repubblica, che Lorenzo ricorda come un momento magico.

Festa della donna, i calciatori delle ASD Collarmele e San Benedetto dei Marsi cantano “Le donne lo sanno”

Festa della donna, i calciatori delle ASD Collarmele e San Benedetto dei Marsi cantano “Le donne lo sanno”

Collarmele – Un bellissimo video realizzato da Sara D’Agostino, Assessore del Comune di Collarmele, per testimoniare la forza delle donne nel giorno a loro dedicato.

Nel video l’ASD Collarmele e San Benedetto dei Marsi cantano “Le donne lo sanno”, la canzone di Luciano Ligabue che elogia le donne, madri, sorelle, amiche, figlie, che con la loro forza conquistano il cuore degli Uomini sensibili che le apprezzano in silenzio per il solo fatto di essere Donne.

Una testimonianza forte e concreta realizzata con il contributo dei calciatori, che per l’occasione si sono cimentati nel canto, e la collaborazione di Rachele Sgammotta, Maria Di Genova, Tina D’Andrea, Tonino Mostacci, Lucia Ottavi, Quirino D’Orazio e Bianca Mummolo.

Il video si conclude a San Benedetto dei Marsi con Sara D’Agostino e Maria Di Genova che lanciano in aria dei palloncini bianchi e colorati in ricordo di Vincenzo Zauri e Simone Mostacci.

Accanto a Sara e a Maria un cartellone con una frase del premio Nobel per la medicina Rita Levi Montalcini: “Le donne che hanno cambiato il mondo non hanno mai avuto il bisogno di mostrare nulla se non la loro intelligenza”.

 

Diritto allo sport: Nazzareno Di Matteo e la Pinguino Nuoto Avezzano tra i manifestanti a Piazza del Popolo

Diritto allo sport: Nazzareno Di Matteo e la Pinguino Nuoto Avezzano tra i manifestanti a Piazza del Popolo

Roma – Nella giornata di oggi molti rappresentanti del mondo dello sport si sono trovati a Piazza del Popolo, a Roma, per manifestare tutto il malessere e le difficoltà che si trovano a vivere a causa delle restrizioni imposte dall’emergenza Covid e per rivendicare il diritto allo sport.

Tra i manifestanti che protestano a Piazza del Popolo, ricordando alle istituzioni che le palestre e le piscine sono state fortemente danneggiate perché lasciate chiuse praticamente da un anno a questa parte, c’è anche Nazzareno Di Matteo e la Pinguino Nuoto Avezzano.

Il messaggio che Di Matteo trasmette da Roma è chiaro: “Siamo qui a Piazza del Popolo, manifestiamo per la riapertura degli impianti sportivi. Voglio ricordare a tutti che aspettiamo ancora gli indennizzi da dicembre fino a marzo e aspettiamo le ulteriori misure di questo Governo legate a bollette, affitti e tutto quello che riguarda la vita degli impianti sportivi. Per quello che ci riguarda delle piscine“.

?Ad un anno dal primo lockdown la situazione di palestre, piscine, centri sportivi e scuole di danza, non è mai cambiata; anzi, è ulteriormente peggiorata e sta attraversando una fase di totale incertezza ed assenza di punti di riferimento.

✋?#LoSportMeritaRispetto è questo il messaggio di ASI apparso stamattina sugli 8 ponti di Roma per amplificare la voce del Settore.

?? Uniti Per Lo Sport: le Strutture Sportive hanno bisogno di un piano di ripartenza strutturato con incentivi, detrazioni ed importanti misure di sostegno per garantire una riapertura sostenibile.