Tre medici dell’ospedale assolti dall’accusa di omicidio colposo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sono stati assolti anche in Corte d’Appello, dall’accusa di omicidio colposo per la morte di un paziente, perché agirono senza colpa.

Si tratta di tre medici dell’ospedale di Avezzano: Loreto Scipioni, ex primario e altri due dirigenti medici, Luigi Tibaldi e Gianna Agnese Mosca.

Il paziente, Eolo Serafini (74 anni), di Avezzano, morì il 9 marzo del 2009, dopo alcuni giorni da un intervento di colicistectomia laparoscopica.

La Corte d’appello di Campobasso ha accolto le tesi difensive avanzate dagli avvocati dei medici .

Secondo i giudici, nel caso specifico,  i medici agirono in modo corretto e professionale, senza commettere errori.

Il Professor Scipioni era difeso dall’avvocato Gianfranco Restaino, il dott. Tibaldi  dagli avvocati  Gianfederico Cecanese e Massimo Romano mentre la dott.ssa Mosca  dall’avvocato Leonardo Casciere.

Il processo si è tenuto davanti alla Corte d’Appello di Campobasso in quanto una delle parti civili  è il magistrato Bianca Maria Serafini, giudice del Tribunale di L’Aquila.




Lascia un commento