Tratte dal libro “ROSSO DI SERA” (Raccolta di poesie in dialetto e in lingua)

“Da Frune Frune” – 1986 –

FRUNE FRUNE

Je scrive tante cose che gih sacce,
le dice a tije, care amiche mè,
parole che se jettene a casacce,
se fave piagne u ride tu le sé.

A legge nen ce vole tempe assaje
i manche itte a vanvera i minute,
se truve nu mumente uscì, pe sbaje,
nente guadagne i nente si perdute.

T’accurie pro che nen te pinte, innò,
pecchè la vita e questa, nu mumente,
recurde i tempe arrete i pinse pò

ca se fè tutte nen si fatte nente…
Ma quanne v’e le fridde, aiu camine,
te strigne chiu cuntente aiu cuscine.

Da “Battecore” – 1959 –

NA FUNTANELLE

Nu riturnelle se repete ancore
che pare nu singhiozze scunsulate;
na funtanelle pare che se more,
piagnenne dù che ormai se sò lassate.

Na luce m’appareva i nu chiarore
a cu giardine che sta abbandunate;
le frusce me parlivene d’amore
i eva de je fiure ‘nnammurate.

Tutte e perdute, ma la funtanelle
nen scorda ch’eva giovane i felice,
i ca ficeva a mì la sentinelle.

Ancore se lamente i nen me dice
pecchè a stu munne ancore ‘nse cancelle
quij’odie brutte che nen cerch’amice.

“Da l’alba ritorna”

A SILONE

Eremo solitario,
pietre issate,
appuntite che trafiggono
le nubi nervose
avviluppate alla collina
in preghiera.
Un silenzio di sempre,
tra sentieri ciottolosi,
speranze buttate a casaccio
tra i cespugli senza sorriso.
Ed a valle il martirio dei vecchi
incurviti
dalla fatica. E quando la sera e più sera,
dietro le pareti rossastre
del tramonto, e struggente il lamento
del Giovenco
tra i rivoli ansanti.
E inumidisce la pupilla
dei poveri.
E tu Silone godi
della tua solitudine
nell’eremo solitario
con le pietre appuntite
ingoiate dalla notte
sena fine.

Da “Ombre nere e verdi”

TRISTEZZA

Stille d’acqua
lucenti,
corrono
sulla finestra.
Piove
E nel cielo,
le nubi sono.
Melanconia;
l’anima
ed i pensieri
sono neri
come gli ombrelli
che nella via
passano,
al picchiettio
di gocce
nella seta.

SPERANZA

Nella finestra
del mio animo
è entrato
ancora uno spiraglio
di luce
tra le fessure
di un balcone.

[……….]