Trasacco, insieme nel ricordo di Rebecca



Trasacco – Aveva combattuto con coraggio fino all’ultimo contro la malattia, quella malattia alla quale, in un giorno d’estate di tre anni fa, si era dovuta arrendere. Rebecca Ippoliti se n’era andata in punta di piedi, ad appena dodici anni, lasciando dietro di sé la disperazione infinita e composta di mamma Mirella, papà Alberto e Andrea, suo fratello, che l’avevano stretta nel loro amore e accompagnata nel calvario, e il ricordo indelebile del suo sorriso, della sua dolcezza, che resterà nella memoria di tutta la comunità. Anche quest’anno Trasacco, luogo d’origine e residenza di Rebecca e della sua famiglia, ha voluto ricordarla con un appuntamento che ha riunito grandi e piccoli nel cuore del paese. 

Il ricordo della nostra Rebecca, la bambina dagli occhi di cerbiatto che ci ha lasciato, inconsolabili, tre anni fa, non si perderà fra la confusione e i rumori del tempo che passa e degli eventi che si susseguono frenetici, fino a che il suo inconfondibile sorriso e il suo sguardo ammaliante  continueranno ad apparire nei ricordi di tutta la nostra Comunità, che ogni anno la ricorda con un torneo di calcio organizzato nella centralissima Piazza Matteotti e che, dal 16 al 23 agosto, si trasforma, per Lei, in un grande stadio“, ha spiegato commossa Titti Colangelo, comandante della Polizia locale di Trasacco. “Tutti quelli che l’hanno amata, grandi e piccini,   si sono stretti a Lei e alla sua famiglia, in un torneo di calcio a squadre maschili e femminili. Per la passione, abnegazione, tenacia e per tutta l’organizzazione dobbiamo un grazie speciale a Cesidio Corsi, giovane militare di Trasacco”, ha concluso la comandante Colangelo. 

Il torneo si è concluso nella serata di ieri, venerdì, 23 agosto, con la vittoria della squadra “Melagodoaognipartita” per la categoria juniores e della squadra “Gelateria Alessandra” per gli adulti.